Benessereblog Salute Farmaci per l’insonnia: quali sono gli effetti a lungo termine?

Farmaci per l’insonnia: quali sono gli effetti a lungo termine?

Farmaci per l’insonnia: quali sono gli effetti a lungo termine?

Difficoltà ad addormentarsi, tendenza a svegliarsi troppo presto e a non riuscire più a riprendere sonno, insonnia: questi sono solo alcuni dei problemi che affliggono le nostre notti. E la situazione sembra essere persino peggiorata da quando è scoppiata la pandemia.

Per affrontare questo problema, molte persone si ritrovano costrette ad assumere dei farmaci per l’insonnia. Ma quali potrebbero essere gli effetti di questi prodotti dopo anni di utilizzo?

A rispondere a questa domanda sono gli autori di un recente studio pubblicato sulla rivista scientifica BMJ Open. Gli esperti volevano valutare l’efficacia dei farmaci per dormire dopo uno o due anni di assunzione, e per farlo hanno arruolato un campione di oltre 600 donne.

I farmaci per l’insonnia funzionano a lungo termine?

Le partecipanti avevano un’età media di 49 anni e soffrivano di insonnia. Le donne sono state suddivise in due gruppi in base alla frequenza e alla durata di assunzione dei farmaci contro l’insonnia. Gli studiosi hanno quindi valutato l’efficacia di tali farmaci a breve e a lungo termine, e dopo un periodo di follow up di 21 anni hanno constatato che, rispetto a chi non faceva uso di questi rimedi, coloro che li assumevano da più di un anno non ottenevano particolari benefici in termini di quantità e qualità del sonno.

Gli autori dello studio spiegano che i farmaci contro l’insonnia possono certamente funzionare sul breve periodo, ma fin troppe persone li assumono per diversi anni, e lo fanno pur non essendoci ancora delle prove sufficienti che ne confermino l’efficacia sul lungo percorso.

Una cattiva qualità del sonno – sottolineano i ricercatori – può aprire la strada a problemi di salute molto gravi, come diabete, ipertensione, dolore cronico e depressione. E’ anche per questa ragione che così tante persone fanno ricorso ai farmaci per dormire.

Tuttavia bisognerà condurre ulteriori ricerche per stabilire con maggiore certezza se tali farmaci sono davvero efficaci per il trattamento dell’insonnia a lungo termine.

Nel frattempo, scoprite in che modo una coperta potrebbe aiutarvi a combattere l’insonnia!

via | ScienceDaily
Foto di Sammy-Williams da Pixabay

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog