Anche tu sei sotto l’effetto spotlight? 5 indizi per capirlo

Anche tu sei sotto l’effetto spotlight? 5 indizi per capirlo

Effetto spotlight: scopri quali sono i 5 indizi che ti aiuteranno a riconoscerlo e come fare a superare quetso fastidioso problema

Avete mai sentito parlare dell’effetto spotlight? Probabilmente no, ma con altrettante probabilità lo avrete sperimentato sulla vostra pelle, almeno una volta. L’effetto spotlight (noto anche come “effetto riflettore”) si verifica quando avvertiamo la sensazione di essere sempre al centro dell’attenzione, in modo tutt’altro che positivo però. In poche parole, coloro che soffrono di questo problema tendono ad avere la sensazione che tutto il mondo osservi i loro comportamenti, per notare se e quando commettono degli errori.

In alcuni casi l’effetto riflettore può compromettere la vita quotidiana, rendendo più difficili azioni consuete, come ad esempio lavorare insieme ai colleghi o sbrigare commissioni. Ciò avviene soprattutto nelle persone che soffrono di ansia sociale, che rischiano di sentirsi in forte imbarazzo, e a voler quindi fuggire dalle attività sociali.

Alcuni ritengono che l’effetto spotlight derivi dall’essere troppo impacciati, ma anche dall’incapacità di mettersi nei panni dell’altra persona e di rendersi conto che la sua prospettiva è diversa dalla nostra, e che chi ci sta di fronte non ha poi molto interesse a giudicarci e osservare ciò che facciamo.

Effetto spotlight, 5 indizi per riconoscerlo

Ma detto ciò, come fare a capire se anche noi siamo sotto l’effetto spotlight? Ecco 5 indizi che vi aiuteranno a capirlo:

  1. Avete la tendenza a sovrastimare quanto le altre persone vi notano
  2. Pensate che le altre persone osservino sempre ciò che fate
  3. Siete inconsciamente convinti che tutti si accorgano dei vostri errori e dei vostri difetti
  4. Provate spesso nervosismo e vergogna, soprattutto quando vi trovate in mezzo alla gente
  5. Vi sentite spesso impacciati e goffi e pensate sempre a ciò che gli altri potrebbero pensare di voi.

Questi sono solo alcuni degli indizi da non sottovalutare. Se l’effetto riflettore dovesse causare problemi nella vostra vita quotidiana, di certo sarà il caso di rimboccarsi le maniche e lavorare per risolverlo. Solo quando arriverete a capire che nessuno vi sta davvero prestando attenzione smetterete di preoccuparvi tanto. Qualora l’effetto riflettore – unito a un problema di ansia sociale – dovesse diventare debilitante, potreste ricorrere alla terapia cognitivo comportamentale con un terapista specializzato, grazie al quale potrete finalmente rendervi conto di quanto poco la gente presti attenzione a ciò che fate.

via | VeryWellMind

Foto da iStock

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog