Covid, una nuova variante si diffonde a New York

Covid, una nuova variante si diffonde a New York

Covid, una nuova variante si diffonde a New York: ecco cosa sappiamo in merito alla mutazione del virus registrata negli Stati Uniti

Le varianti del Covid-19 continuano a destare preoccupazione. Nelle ultime ore, la variante di New York ha messo in allarme gli Stati Uniti. Nel frattempo, lo stesso Presidente USA Joe Biden ha esteso lo Stato di emergenza, in modo da arginare la diffusione del contagio. Dopo la variante inglese, dopo quella sudafricana e dopo la variante brasiliana, a destare apprensione è adesso anche la variante del Covid di New York.

Il motivo di questa preoccupazione è presto detto: la variante – almeno stando ai nuovi studi condotti negli ultimi giorni – rischia di compromettere l’efficacia dei vaccini anti Covid. Lo hanno rivelato due nuove ricerche, la prima ad opera dell’università Caltech nel Golden State, e la seconda condotta dai membri della Columbia University.

Va detto che al momento i due studi non sono ancora stati rivisti da altri scienziati e non sono stati pubblicati su una rivista scientifica.

Covid, la nuova variante di New York

Stando a quanto osservato dagli autori di entrambe le ricerche sembra che la nuova variante (chiamata B.1.526) abbia la capacità di eludere la reazione del sistema immunitario. E’ inoltre emerso che la variante newyorkese del Covid-19 potrebbe colpire maggiormente le persone più grandi, e potrebbe essere responsabile di un più elevato tasso di ospedalizzazione.

Sempre negli Stati Uniti, purtroppo nei giorni scorsi la California ha tra l’altro registrato un triste primato, diventando il primo Stato americano ad aver superato le 50.000 vittime a causa del Covid. Come dicevamo, per fronteggiare la situazione, il Presidente Biden ha dunque prolungato lo stato di emergenza nazionale, e lo ha reso noto attraverso un comunicato:

Il Covid 19 continua a causare significativi rischi alla salute pubblica e alla sicurezza del Paese. Per questo l’emergenza nazionale dichiarata il 13 marzo 2020, e iniziata l’1 marzo del 2020, deve continuare a restare in effetto dopo l’1 marzo 2021.

via | Ansa
Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog