Covid-19: Olga e Vincenzo insieme da 63 anni, muoiono lo stesso giorno

Covid-19: Olga e Vincenzo insieme da 63 anni, muoiono lo stesso giorno

Olga e Vincenzo sono morti lo stesso giorno a causa del Covid-19 dopo essere stati insieme da 63 anni e aveer costruito una famiglia

Il Covid-19 si è portato via Olga e Vincenzo. Una coppia di ottantenni che vivevano a Sesto San Giovanni, a Milano, e che nonostante tutta l’attenzione possibile si è ammalata di Coronavirus. Olga e Vincenzo si sono innamorati quando avevano appena 20 anni, sono stati insieme per 63 anni e sono morti, a distanza di un’ora, domenica scorsa. Prima è andata via Olga e poco dopo anche Vincenzo.

Una storia struggente e triste che, purtroppo, non è un caso isolato, Ogni giorno muoiono ancora troppe persone a causa del Coronavirus e ci sono famiglie che si spezzano, figli e mogli che restano soli. Mariti che senza la compagna si sentono persi.

Covid-19: la storia di Olga e Vincenzo

Covid-19 Olga e Vincenzo morti

Olga e Vincenzo, 83 anni lei e 82 lui, sono stati sempre molto prudenti, usciva solo lui per fare la spesa e andare in farmacia. In Lombardia, come ne, resto d’Italia, la situazione è critica. Il Covid-19 circola ancora troppo e negli anziani si scatena con molta aggressività.

La nipote dei due coniugi ha raccontato:

“È stato il nonno a manifestare i primi sintomi e poi anche la nonna. Nonostante la febbre alta, per oltre una settimana il medico non è mai uscito a visitarli, gli ha dato un antibiotico dicendo che era influenza e invece era Covid-19. L’11 mattina avevano 68 di saturazione lui e 86 lei, così gli zii hanno chiamato il 112 e sono stati portati via insieme”.

Le loro condizioni però si erano aggravate troppo e il virus aveva già compromesso i loro polmoni. Il primo ad ammalarsi è stato Vincenzo e anche in ospedale le sue condizioni sembravano più critiche. Olga sembrava stare leggermente meno male, ma poi ha avuto un peggioramento repentino ed è morta per prima. Un’ora dopo è morto anche Vincenzo e ha raggiunto la sua anima gemella.

Quando il numero dei contagi è così alto, quello che succede è proprio questo. L’aiuto viene dato quando la situazione sta già precipitando e le chance di guarire diminuiscono drasticamente. Riuscire a salvare le persone, in queste condizioni, diventa quasi un miracolo.

via | ansa
foto | Pixabay e Pixabay

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog