Cos’è l’Examophobia, la paura degli studenti di sostenere gli esami

Cos’è l’Examophobia, la paura degli studenti di sostenere gli esami

La paura che blocca gli studenti quando devono sostenere un esame ha un nome: si chiama Examophobia. Ecco come si manifesta.

Hai mai sentito parlare di Examophobia? Come suggerisce il nome stesso è la paura di dare gli esami. Secondo quanto riferito dall’International Journal of Indian Psychology, che fa riferimento a una ricerca dell’Amity University di New Dehli, l’ansia da esame colpisce più della metà degli studenti. I sintomi si aggravano man mano che il giorno della prova, scritta oppure orale, si avvicina. Sanno bene di cosa stiamo parlando gli studenti che dovranno affrontare a giugno la Maturità e quelli iscritti all’Università.

L’American Test Anxieties Association informa che nel 18% dei casi gli studenti soffrono di ansia da moderata a elevata, mentre un numero compreso tra il 16% e il 20% in maniera elevata. L’Aspam Scottisch School identifica alcuni motivi per cui i ragazzi hanno paura di affrontare gli esami:

  • preparazione inadeguata
  • pressioni della famiglia
  • bassa autostima
  • timore di fallire

Uno studio della National Society of High School Scholars conferma questi fattori, sottolineando che è bene aiutare i ragazzi ad affrontare il periodo più intenso e anche più difficile di tutta la loro storia scolastica.

Esami di maturità 2020: il messaggio della Presidente dell’Ordine degli Psicologi della Lombardia

Come affrontare l’Examophobia

Massimo De Donno, fondatore di GenioNet e ideatore di Genio in 21 Giorni, il primo corso internazionale per costruire il metodo di studio personalizzato, spiega come affrontare questo momento tanto delicato. La Maturità e gli esami universitari possono essere affrontati meglio se si sa come studiare e come prepararsi, senza soffrire di stress prima e durante l’esame stesso.

Solo un metodo di studio personalizzato permette infatti, anno dopo anno, di costruire una rete veramente efficace, sempre più fitta, costituita da competenze, informazioni e abilità, nelle cui maglie vengono trattenuti tutti i nuovi concetti con cui si entra in contatto. Se le maglie sono troppo larghe o la rete è strappata in diversi punti non basta gettarla in acqua per tirare su qualcosa. All’università non basta mettere la testa sui libri: senza metodo, la fatica che si fa nel comprendere e far propri concetti, via via più fini man mano che gli esami si fanno più specifici e complessi, aumenta a dismisura.

Ecco alcuni consigli da seguire per affrontare ogni esame scolastico:

  1. Imparare le migliori tecniche di apprendimento strategico per organizzare lo studio e rendere più produttiva ogni fase.
  2. Focalizzare l’attenzione su quello che si impara e non sul voto in se.
  3. Tenere sotto controllo l’ansia, trasformando l’adrenalina in energia: solo pensieri positivi durante lo studio.
  4. Visualizzare mentalmente la prova di esame e vedersi soddisfatti del risultato.
  5. Allenarsi nell’esposizione con amici e famigliari.
  6. Imparare a usare la respirazione per calmarsi.
  7. Suddividere ogni materia in 3 cartelle mentali.
  8. Organizzare i propri cicli di studio, impostandoli con il telefono in 25 minuti con 5 di pausa.
  9. Mangiare sano e fare attività fisica.
  10. Farsi aiutare per trovare il metodo di studio personalizzato migliore.

Foto di StockSnap da Pixabay

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog