Angioma epatico in gravidanza: quali sono i rischi?

Cosa comporta la presenza di un angioma epatico in gravidanza, quali sono le cause e quale il trattamento?

Angioma epatico in gravidanza: come comportarsi? Un angioma epatico è un tumore benigno che cresce nel fegato, e rappresenta uno dei più frequenti casi di tumori benigni che interessano questo organo. L'angioma epatico è maggiormente diffuso nelle donne fra i 30 e i 50 anni di età, e la sua dimensione può variare da qualche millimetro fino a ben 30 centimetri di grandezza. Le cause dell’angioma epatico non sono ancora del tutto note, ma si ritiene che un incremento del volume della massa benigna possa essere correlato a fattori come la gravidanza oppure all’assunzione di estrogeni.

Detto questo, nella maggior parte dei casi l’angioma epatico è asintomatico, ma quando si manifestano dei sintomi, essi possono essere soprattutto una sensazione di dolore cronico, senso di sazietà anche se si ha mangiato poco, nausea, vomito, inappetenza.

angioma epatico

Detto questo, le donne con angioma epatico in gravidanza dovrebbero naturalmente monitorare in maniera molto attenta la situazione. Ciò non significa che chi ha un angioma epatico non può avere un bambino, ma vuol dire semplicemente che bisognerà affrontare la gravidanza in maniera attenta.

La futura mamma dovrebbe naturalmente sottoporsi periodicamente a delle visite specifiche, per scongiurare il rischio di eventuali complicazioni, dal momento che – come dicevamo – proprio durante questa fase gli ormoni estrogeni potrebbero comportare la crescita di alcuni emangiomi epatici, provocando appunto sintomi come dolore o danni al fegato.

via | Hsr

  • shares
  • Mail