Tubercolosi in aumento in Italia, cause e sintomi della malattia

Purtroppo i casi di tubercolosi in Italia sono in continuo aumento, a causa anche della maggiore globalizzazione. Scopriamo insieme quali sono le cause di questa malattia e quali sono i sintomi da riconoscere subito.

Crescono i casi di tubercolosi in Italia. Tutto a causa della globalizzazione, del fatto che gli individui, più propensi e abituati a viaggiare in ogni angolo del mondo, per motivi di lavoro e personali, entrano in contatto con malattie che finora erano state tenute a bada nel nostro paese, come sottolineato anche dal Professor Massimo Andreoni, presidente Simit, Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali, che suggerisce anche la maggior facilità della propagazione della malattia che si può passare con semplici colpi di tosse o statnuyi.

La tubercolosi è una malattia che colpisce soprattutto l'apparato respiratorio, con un'incidenza maggiore nei soggetti immunodepressi. Si può presentare all'inizio con una semplice febbriciattola, con un piccolo dimagrimento e poi con una tosse anche molto insistente, che non guarisce nemmeno con l'uso degli antibiotici:

Ad avvenuto contagio i primi sintomi rivelatori sono disturbi respiratori, come una bronchite persistente. In questa fase l’RX del torace permette di fare una diagnosi per capire se si tratta o meno di tubercolosi. Con il passare del tempo la tosse si intensifica sino a provocare espettorati anche emorragici.

Riconoscere i sintomi della tubercolosi subito è importante, per poter immediatamente attuare le procedure di cura. Bisogna fare molta attenzione ai soggetti più a rischio, i pazienti immunodepressi, che fanno uso di farmaci che possono comportare immunosoppressione: si tratta di persone in cura per malattie dermatologiche, gastroenterologiche, che fanno uso di cortisone.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail