Tosse e starnuti a Natale, può essere colpa dell'albero

Muffe e polveri nascoste fra i rami e sulla corteccia possono scatenare gli stessi sintomi di un'allergia. Ecco come ridurre i rischi

Sindrome dell'albero di Natale

Raffreddore e influenza non sono le uniche possibili cause della tosse e degli starnuti che possono tormentare le festività. Anche l'albero di Natale, vero o artificiale che sia, può minacciare la salute dell'apparato respiratorio. Ad accusarlo sono addirittura delle ricerche scientifiche, che danno a questo effetto un nome preciso: la sindrome dell'albero di Natale.

Secondo uno studio pubblicato da Lawrence Kurlandsky e colleghi sugli Annals Of Allergy, Asthma And Immunology gli aghi e le cortecce degli abeti possono portare nelle case muffe in grado di scatenare i sintomi della rinite, ad esempio naso che cola, occhi che lacrimano e tosse. Dai 28 alberi di Natale analizzati, appartenenti a diverse specie, sono state isolate 53 muffe, il 70% delle quali associate a prurito al naso, congiuntivite, tosse, respiro corto, dolori al petto, sinusite, affaticamento e disturbi del sonno. Alcune possono avere anche effetti a lungo termine sui polmoni o portare a bronchiti o polmoniti.

Il calore dell'ambiente domestico favorisce la proliferazione di queste muffe, che minacciano la salute per tutto il tempo in cui l'albero rimarrà in casa. Altre analisi hanno dimostrato che la sua presenza porta ad un accumulo delle spore presenti nell'aria.

Ma non è tutto. Gli abeti possono portare in casa anche i loro pollini e quelli di altre piante, accumulati sulla loro corteccia, che possono scatenare sintomi simili a quelli di un'allergia primaverile.

La soluzione non può essere scegliere un abete artificiale. Anche questo tipo di albero di Natale può scatenare sintomi allergici a causa della polvere accumulata durante l'anno passato chiuso nell'armadio.

Tuttavia, ciò no significa che per proteggere la salute si debba rinunciare alle luci dell'albero o confinarle in giardino. Piuttosto, la quantità di spore e di polvere può essere ridotta sciacquando l'abete prima di portarlo in casa, magari facendosi aiutare da qualcuno che non soffre di allergie. Per ridurre ulteriormente i rischi è meglio tenere l'albero in casa solo per il tempo strettamente necessario e utilizzare dei filtri per purificare l'aria domestica. Seguendo questi accorgimenti i rischi associati alla presenza dell'albero saranno ridotti al minimo.

Via | Express
Foto | da Flickr di ShedBOy^

  • shares
  • Mail