Antiossidanti, non esagerate con il beta-carotene

carote

Equilibrio, equilibrio e ancora equilibrio. Mai esagerare con nessun nutriente ed alimento, vale per le verdure e la frutta cruda che gonfiano la pancia se esageriamo e vale anche per alcuni antiossidanti per ragioni ben più serie. Parliamo nello specifico del beta-carotene, un pigmento naturale che regala il caratteristico colore arancione alle carote, alle patate dolci e ad alcune verdure. Un recente studio, condotto dai ricercatori della Ohio State University, ha infatti scoperto che dosi eccessive di beta-carotene causano reazioni avverse nell'organismo.

La ricerca, pubblicata sul Journal of Biological Chemistry, ha appurato che alcune molecole del beta-carotene inibiscono il metabolismo della vitamina A, fungendo da antagonisti. Esagerare con il beta-carotene potrebbe dunque portare paradossalmente a livelli bassi di vitamina A, con i rischi correlati alla carenza tristemente noti: disturbi della vista, problemi alla pelle ed al sistema immunitario.

Gli autori si affrettano a precisare che non bisogna smettere di consumare cibi ricchi di beta-carotene, perché i rischi si verificano in caso di assunzioni eccessive e perché non è ancora del tutto chiaro come si sviluppino le molecole antagoniste. I ricercatori sono al lavoro per approfondire questa sconcertante relazione che spiegherebbe anche come mai dosi eccessive di beta-carotene, in un precedente studio, abbiano accelerato anziché rallentare come previsto, la comparsa del cancro ai polmoni.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: