Le diete dimagranti più pericolose, dai vermi agli ormoni

diete pericolose

Le diete dimagranti, eccessivamente restrittive, spesso non funzionano per mantenere la forma riacquistata a lungo perché rallentano il metabolismo. Lo ricordava Silvia ieri: per dimagrire bisogna mangiare. Quelle iperproteiche, dalla Dukan alla tisanoreica, possono farci perdere molti chili nelle prime settimane ma non appena riprenderemo il nostro regime alimentare abituale, reintroducendo i carboidrati, il rischio è di riguadagnare i chili persi. Senza contare che eliminare i carboidrati dalla dieta o ridurli all'osso ci fa sentire giù di tono.

Ma se pensate che queste diete ipocaloriche siano le peggiori della storia, non avete ancora conosciuto quelle che sto per presentarvi. Le ho scovate su Livestrong, alcune le conoscevo, altre sono state una disgustosa sorpresa. Diete davvero assurde che si basano su credenze popolari o estremizzano alcune proprietà nutrizionali dei cibi promettendo miracoli.

Alcune fortunatamente non sono più in voga, altre come la Baby food diet, ne parlavamo qui, purtroppo sono ancora seguite e diffuse tra le star che poi scatenano emulazioni a go go tra i comuni mortali. Curiosi?

tenia

La dieta del verme (tenia), risale ai primi del Novecento, è stata proibita dalla FDA perché è una vera e propria malattia parassitaria che ci si autoinfligge per dimagrire, assumendo vermi o pillole che faranno crescere dei parassiti nell'organismo che porteranno alla riduzione drastica dell'appetito. Purtroppo ancora qualcuno prova a dimagrire in questo modo. Inquietante.

dieta zuppe

Meno inquietante ma pur sempre pessima dal punto di vista nutrizionale è la dieta delle zuppe. Si fa colazione e poi tutto il resto del giorno non si fa altro che ingurgitare zuppe, stressando l'organismo perché lo si priva di nutrienti fondamentali. Si riguadagna peso abbastanza in fretta alla fine della dieta.

succo di pompelmo

La dieta del pompelmo. Un regime alimentare che permette di mangiare di tutto, dal burro ad altri alimenti ipercalorici, a patto di ridurre l'assunzione di carboidrati. Proteine e grassi a go go, dunque, accompagnati da 2 litri di succo di pompelmo al giorno. Promette miracoli, ma non è supportata da alcun fondamento scientifico. E ovviamente concedersi grassi senza ritegno è assolutamente deleterio non solo per la linea ma anche per la salute. Bocciata.

cibo per bambini

La baby food diet. Questa purtroppo è ancora in voga tra le celebrità. L'hanno sperimentata, tra le altre star, anche Gwyneth Paltrow e Kate Hudson. A ideare il regime il personal trainer Tracey Anderson. In cosa consiste lo avrete intuito dal nome: ci si alimenta con cibi per neonati. Le pappine, infatti, sono altamente nutrienti ma contengono pochi grassi. In questo modo si pensa di potersi saziare e nutrire senza ingrassare. Puoi mangiare fino a 14 vasetti al giorno e poi se ti va concederti un pasto come si deve. Terribile, non solo perché mancano nutrienti fondamentali per un organismo adulto, ma anche perché favorisce il binge drinking. Molte celebrità, infatti, si compensavano delle calorie non ingerite ai pasti con iperalcolici ai party.

hcg ormone

La dieta dell'ormone HCG, un ormone che deriva dalla placenta. Si inietta direttamente nell'organismo, si spalma sotto forma di creme o si ingerisce. Dovrebbe influire sul metabolismo dei grassi e bruciare ciccia nei punti critici. Il peso si perde, effettivamente, ma il regime alimentare accompagnato a queste iniezioni è di sole 800 calorie al giorno, quindi è probabile che i chili svaniscano per questo piuttosto che per l'ormone. Inoltre, tra gli effetti collaterali, c'è l'iperstimolazione ovarica, una malattia che può provocare anche la morte.

biscotti

La dieta dei biscotti, basata su biscotti arricchiti di proteine animali, che non hanno propriamente un buon sapore. Se ne assumono sei al giorno e poi si può cenare o pranzare normalmente. Si perde peso, ma non per i biscotti: come per la dieta degli ormoni anche questo regime si basa su un apporto di appena 800 calorie ed è solo per questo che si dimagrisce.

dieta prollinn

La dieta di Prollinn. Ideata nel 1970 da Roger Linn che ebbe (che genio eh?) la brillante idea di proporre alle persone di non mangiare nulla per dimagrire. Ad eccezione di una bevanda: un intruglio di 400 calorie che conteneva scarti della macellazione degli animali: corna, zoccoli, tendini. Probabile, dunque, che queste 400 calorie alla fine, presi dal disgusto, venissero anche espulse e vi lascio immaginare come... Causa attacchi di cuore ed altri disturbi anche gravi.

dieta libera

La dieta libera. Mangia quello che vuoi, tanto le calorie non contano nulla. Questa in sintesi la teoria di Herman Taller. Via libera a grassi e proteine, banditi i carboidrati, il tutto accompagnato da strane pillole. Taller fu accusato di frode.

lassativi

La dieta Kimkins, ideata da Heidi Diaz: 800 calorie al giorno e lassativi. Si commenta da sola. Ha provocato numerosi effetti collaterali, ma a lei ha fruttato milioni di dollari, prima che la perseguissero per frode.

dolore lingua

La dieta del dolore. Viene applicato un dispositivo alla lingua in modo che mangiare provochi una sensazione fastidiosa. Si è portati a mangiare meno e ad assumere perlopiù liquidi. Incommentabile.

dolci colazione

La dieta del dessert a colazione. Sì, è vero che mangiare i dolci al mattino è meglio che mangiarli durante il giorno, lo abbiamo ricordato anche noi qui, ma sempre con moderazione. Una fetta di torta al cioccolato, un pasticcino... invece questa dieta a colazione prevede dolci senza ritegno. Non fa perdere peso e porta ad assumere troppi zuccheri, con il rischio di malattie metaboliche come il diabete.

dieta mediterranea

Infine, ne aggiungo io una che su Livestrong hanno dimenticato di inserire: la più pericolosa di tutte (scherzo, eh): la dieta mediterranea. Pensate che vi ammazza di salute: vivrete a lungo, sarete eccessivamente sani, senza malattie come il morbo di Alzheimer, malattie cardiache e avrete sempre voglia di fare sesso. Pessima, eh?

Foto | Generalnoir; Wikimedia; tsheko; Veganbaking.net; jencu; Wikimedia; mrwynd; chatblanc1; dprevite; timsamoff; Rodrigo Galindez; tillwe; sleepyneko

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: