Le cause della milza ingrossata e cosa mangiare

La milza può risultare ingrossata per diversi motivi: scopriamo quali sono solitamente le cause scatenanti e come sarebbe bene cambiare le proprie abitudini alimentari per poter risolvare, anche a tavola, questo problema.

milza ingrossata

La milza ingrossata, altrimenti detta splenomegalia, è una condizione per cui l'organo interno si presenta con dimensioni che superano quelle ritenute nella norma. Perché questo organo che si trova nella parte alta e sinistra dell'addome, subito sotto il diaframma, deputato alla produzione di anticorpi e globuli bianchi, alla maturazione dei globuli rossi e alla ripulitura del sangue da quelli invecchiati, si ingrossa?

La milza ingrossata solitamente è un sintomo di alcune malattie o disturbi in corso: la splenomegalia si manifesta in caso di infezioni virali come la mononucleosi, infezioni batteriche come la sifilide, infezioni parassitarie come la malaria e la leishmaniosi, in caso di ipertensione portale dovuta da malattie epatiche come la cirrosi o da trombosi, in caso di anemia emolitica come la talassemia, di leucemia e linfomi o di alcuni disordini metabolici.

Ovviamente in caso di milza ingrossata bisognerà trattare il disturbo andando alla radice, scovandone le cause e curandole, senza dimenticare che dovremo seguire un regime alimentare molto particolare. Bisogna evitare cibi grassi o troppo elaborati, scegliendo cibi molto leggeri e cotti in maniera light, con cotture che non ci appesantiscano troppo.

Chiedete consiglio al vostro medico sugli alimenti migliori che fanno al caso vostro in caso di milza ingrossata.

Foto | da Flickr di julia_manzerova

Via | Mypersonaltrainer

  • shares
  • Mail