La dieta del sorriso, cibi che migliorano l’umore

La dieta del sorriso, cibi che migliorano l’umore

Il buonumore vien mangiando.


Una forchettata di felicità istantanea, da addentare all’occorrenza, quando siamo giù di morale e abbiamo voglia di fare il pieno di buonumore senza troppi sforzi. Con la dieta del sorriso è possibile. Un regime alimentare che includa i cibi che rilassano, calmano e rilasciano sostanze positive nel nostro organismo.

A colazione partiamo con uno yogurt greco, più ricco di calcio di quello tradizionale. Il calcio stimola il corpo a rilasciare neurotrasmettitori legati al benessere ed al buonumore. Per dolcificare utilizziamo il miele che riduce l’infiammazione, ostacola i radicali liberi e ha funzione antidepressiva.

Per quanto riguarda il pesce sì ai mitili. Le cozze sono ricche di vitamina B-12 che protegge la guaina mielinica del cervello e previene l‘invecchiamento cerebrale. Sono inoltre una grande fonte di zinco, iodio e selenio, nutrienti che mantengono sana la tiroide e ci aiutano a regolare l’umore.

Accompagniamo il pesce con la verdura, le bietole sono la scelta migliore perché sono ricche di magnesio che aumenta i livelli di energia e agisce come antidepressivo. Sì anche agli asparagi, fonte naturale di triptofano, che serve come base per la creazione di serotonina, l’ormone del buonumore.

Infine, via libera a tutti i tipi di pomodori e pomodorini, ricchi di licopene, una sostanza che contrasta l’infiammazione, principale fattore di depressione. Come dolce scegliamo il cioccolato fondente, una scossa di energia per il cervello ed un toccasana per l’umore.

Via | MSNBC
Foto | Flickr

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog

Ti potrebbe interessare

Il Covid scatenerà un’ondata di disturbi mentali
Psicologia

La seconda ondata della pandemia provocherà molti disturbi mentali: ecco cosa spiegano gli esperti e quali saranno le categorie più a rischio. Questa seconda ondata della pandemia sta provocando molti problemi non solo dal punto di vista sanitario, ma anche dal punto di vista sociale ed economico. Quello che stiamo attraversando è un periodo non […]