La nuova liposuzione con gli ultrasuoni

boduìytite
C'era una volta la liposuzione o lipoaspirazione o liposcultura come dir si voglia; tecnica utilizzata per aspirare, appunto, il grasso in eccesso. Ed era uno degli interventi di chirurgia estetica più utilizzati, rappresentando circa il 30-40% del totale degli interventi. Oggi, invece, ha preso piede l'ultima moderna versione della liposuzione, ovvero la bodytite, che si differenzia dall'altra per gli effetti accessori.

Infatti, in questo caso, oltre all'aspirazione del grasso, si ha anche la rottura delle particelle adipose ed un aumento della compattezza cutanea. Tutto ciò grazie all'uso di ultrasuoni, onde sonore non percepibili dall'orecchio umano. In realtà, la liposuzione ad ultrasuoni esiste già da anni: la novità di tale tecnica è che si basa sull'utilizzo di un macchinario ultratecnologico che è in grado di generare ultrasuoni "speciali".

Per quanto riguarda il metodo di procedere, non c'è tanta differenza con la versione classica: viene svolta in anestesia locale o generale (per gli interventi più complessi) ed il chirurgo passa sulla zona da trattare un manipolo collegato al macchinario che emette ultrasuoni per qualche minuto. In un secondo momento, vengono praticate alcune piccole incisioni nella zona da trattare e si inseriscono le cannule per l'aspirazione. Al termine si applicano i punti di sutura necessari.

Via | Emedicine
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail