Come difendersi dal freddo

cpme difendersi dal freddo

Freddo e neve stanno imperversando ormai da giorni sull'Italia. L'ondata di gelo siberiano ha stretto l'intera penisola in una morsa e nei prossimi giorni nelle regioni settentrionali le temperature potrebbero sfiorare i -14°C. Come possiamo difenderci dal freddo? Qualche dritta e rimedi pratici, efficaci contro gli sbalzi di temperatura, ci arrivano dagli esperti del Ministero della Salute che hanno stilato una lista di consigli utili a proteggere la pelle e l'organismo dai rischi del freddo.

Una guida utile a tutti per scongiurare il rischio di influenza, assideramento ed ipotermia, ma in particolar modo ai bambini, agli anziani, ai senzatetto ed ai malati cronici, dal momento che il freddo intenso può esarcebare i sintomi delle patologie respiratorie, aggravare i fattori di rischio cardiovascolari e causare un accentuarsi dei dolori in caso di malattie a carico di muscoli e scheletro.

Dopo il salto il decalogo messo a punto dal Ministero della Salute per difendersi dal freddo.


  1. Partiamo dalla regolazione della temperatura in casa. Innanzitutto dobbiamo deumidificare gli ambienti. Non dimentichiamoci, dunque, di riempire le vaschette dei radiatori. Se l'umidità fa male all'organismo, anche l'aria troppo secca, infatti, crea un ambiente poco salubre.
  2. Isoliamo porte e finestre per evitare che gli spifferi facciano entrare aria gelida. Possiamo usare dei nastri o altri materiali dalle proprietà altamente isolanti.
  3. Anche se fa freddo, non dobbiamo mai dimenticarci di far aerare i locali, per evitare l'intossicazione da monossido di carbonio che purtroppo ancora oggi causa non pochi decessi ogni anno, per semplici disattenzioni.
  4. Sia le stufe elettriche che la borsa dell'acqua calda devono essere posizionate a distanza di sicurezza dal corpo, evitando il contatto ravvicinato con le mani per evitare scottature o scatenare incendi.
  5. Anziani e bambini sono soggetti a rischio e non è raro sentire che anziani soli sono morti di freddo in questi giorni. Ricordiamoci di controllare la loro temperatura corporea.

  6. Inoltre assicuriamoci che gli anziani che vivono soli, dai nonni a semplici vicini di casa, abbiano abbastanza cibo in casa e soprattutto scorte di medicinali. Noi che siamo giovani sfidiamo le intemperie e possiamo raggiungere la farmacia ma loro no, se possiamo dare una mano, prodighiamoci o contattiamo i servizi sociali per segnalare senzatetto ed altre situazioni di disagio di cui siamo a conoscenza.
  7. Per quanto riguarda l'alimentazione, anche se con il freddo non abbiamo molta sete, ricordiamo di idratarci per non seccare la pelle. Scegliamo bevande calde e pasti ricchi di liquidi, cercando di assumere almeno un litro e mezzo tra acqua e liquidi al giorno. No agli alcolici, riscaldano temporaneamente ma al contrario di quanto siamo portati a credere, favoriscono anche una dispersione più rapida del calore prodotto dal nostro corpo.
  8. Così come in estate gli esperti del Ministero della Salute ci consigliavano di evitare di uscire nelle ore più calde della giornata, ora che fuori fa a dir poco freddo, dobbiamo evitare di uscire nelle ore più fredde ovvero la mattina presto e la sera. Una raccomandazione di vitale importanza soprattutto per chi soffre di malattie cardiovascolari e disturbi respiratori.
  9. Quando usciamo, ovviamente, armiamoci di cappotti pesanti, sciarpa, guanti e cappello per proteggerci dalle folate gelide e dagli sbalzi termici.
  10. Sarebbe preferibile evitare di mettersi in viaggio in queste ore, dal momento che autostrade, aeroporti e ferrovie stanno subendo non pochi disagi e rallentamenti nei trasporti. Ad ogni modo, il Ministero della Salute consiglia a chi parte di portarsi dietro coperte e bevande calde. E dopo la brutta esperienza sull'Intercity Bologna-Taranto dei giorni scorsi, che ha visto i passeggeri bloccati per ore, aggiungo, portatevi anche un panino perché ve lo fanno pagare caro.

Via | Ministero della Salute
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail