Trasformare i pensieri in parole, voci interne decodificate dalle onde cerebrali

parole onde cerebrali pensieri

Ricostruire le parole dalle onde cerebrali, ricavando un senso dai nostri pensieri più inconsci, dalle voci interne. Lo promette un nuovo metodo messo a punto dall'équipe di ricercatori coordinata da Brian Pasley della University of California Berkeley. Il procedimento viene illustrato in uno studio pubblicato di recente su PLoS Biology.

Gli scienziati hanno messo a punto un modello al computer che decodifica i segnali elettrici provenienti dal cervello trasformandoli in parole. In pratica si riesce ad ascoltare il suono delle parole mentre vengono pensate. Straordinario, anche e soprattutto per le sue implicazioni. Pensiamo ai pazienti in coma ed alle persone che soffrono di disturbi della comunicazione.

In questo modo si potrebbe capire cosa pensano e si aprirebbe una vera e propria finestra verbale sul loro cervello che aiuterebbe i medici a comprendere molte malattie e disturbi, oltre che migliorare la qualità della vita dei pazienti. Lo studio si è focalizzato su un'area del cervello denominata giro superiore temporale, una sezione cerebrale collegata ai suoni.

Quest'area ci aiuta a dare un senso, sotto il profilo linguistico, ai suoni che ascoltiamo. I ricercatori hanno monitorato le onde provenienti da quest'area in 15 pazienti sottoposti ad intervento chirurgico mentre ascoltavano frasi e parole da diversi ripetitori.

Le diverse frequenze scatenate dai vari suoni sono state decodificate. In questo modo quando ai pazienti è stato chiesto di pensare ad una parola, gli scienziati avevano il codice per decifrarla. Sono inoltre riusciti a trasformare le onde cerebrali in parole di senso compiuto. In futuro, spiegano gli autori, speriamo di realizzare delle protesi, basate su questo modello, che trasformino i pensieri in parole per aiutare le persone con difficoltà di comunicazione ad esprimersi.

Via | BBC
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail