5 cose da sapere sul Virus dell’influenza B

5 cose da sapere sul Virus dell’influenza B

Che differenza c’è tra i virus influenzali di tipo A e di tipo B? Ecco alcune cose importanti da sapere.

L’influenza è la classica malattia di stagione, così viene definita. È un’infezione respiratoria acuta causata da virus influenzali. È una malattia stagionale che, nell’emisfero occidentale, si presenta durante il periodo invernale. È provocata da diversi virus: i tipi A e i B, responsabili della sintomatologia influenzale classica; il tipo C, di scarsa rilevanza clinica (generalmente asintomatico); il tipo D, la cui possibilità di infettare l’uomo non è ancora chiara.

Alcune cose da sapere sui tipi B

  • 1Circolano soltanto nell’organismo umano. I soli animali vulnerabili al virus B oltre all’uomo, sono i pinnipedi.
  • Possono causare epidemie, ma non sembra siano in grado di indurre pandemie
  • I virus di tipo B e C non hanno sottotipi a differenza del tipo A che presenta differenti proteine H o N sulla loro superficie, e, quindi, è suddiviso in sottotipi.
  • Questo tipo di influenza muta 2–3 volte meno rapidamente del tipo A e di conseguenza ha una minore diversità genetica (si conosce un solo serotipo). A causa di questa scarsa diversità antigenica, normalmente si acquisisce un certo grado di immunità all’influenza B. Tuttavia, anche l’influenza B muta abbastanza velocemente e questo fatto impedisce una immunità permanente.
  • Il ridotto tasso di mutazione antigenica, combinata con una scarsa gamma di ospiti (che impedisce uno spostamento antigenico tra specie diverse) assicura l’impossibilità di pandemie di influenza B.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog