Il lento e inesorabile declino del petrolio…

Il lento e inesorabile declino del petrolio…

Quando arriveremo al fatidico momento in cui si assisterà a un lento quanto inesorabile declino della disponibilità di petrolio (il picco pare ci sarà attorno al 2010), il mondo non sarà più lo stesso e la popolazione mondiale, specie quella che vive nei Paesi industrializzati (Cina, India, indonesia e Brasile compresi), abituata da oltre un […]

Quando arriveremo al fatidico momento in cui si assisterà a un lento quanto inesorabile declino della disponibilità di petrolio (il picco pare ci sarà attorno al 2010), il mondo non sarà più lo stesso e la popolazione mondiale, specie quella che vive nei Paesi industrializzati (Cina, India, indonesia e Brasile compresi), abituata da oltre un secolo a servirsi di questo prezioso combustibile per oliare gli ingranaggi produttivi ed economici dell'attuale sistema, sarà preda di reazioni isteriche e incontrollate e si renderà conto di come era bello "quando il frigorifero era pieno e si poteva consumare abbondantemente e quotidianamente tutto ciò che esso conteneva".

Già oggi, nella protesta dei monaci buddisti in Myanmar (ex Birmania) contro l'impennata dei prezzi del carburante e dei generi alimentari di prima necessità, assistiamo con preoccupazione ai primi barlumi di quale violenza scaturirà qualora quel poco di petrolio che resta costerà sempre più. Gia oggi, che viviamo con la consapevolezza che la "manna finirà", le crisi geopolitiche aumentano, la corsa agli armamenti di nuova generazione pure. Continua a leggere il post su Il Professor Echos>>

Vuoi saperne di più sul petrolio? Allora devi visitare il blog Petrolio.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog