Acne neonatale, rimedi utili

Acne neonatale, rimedi utili

I rimedi per curare l'acne neonatale che si presenta nelle primissime settimane di vita.

L’acne neonatale è un disturbo molto più comune di quanto si possa pensare, interessa circa un neonato ogni cinque, ma per fortuna è solo un inestetismo e si risolve da solo nell’arco di qualche mese. Anche i neonati possono avere i brufoli, sembra incredibile ma è proprio così! Nei neonati i brufoletti si presentano rossi o bianchi e compaiono prevalentemente su guance, naso e fronte, ma possono colpire ogni zona del viso e in casi rari anche sulla fronte e sulla schiena.

Quando i foruncoli compaiono nelle prime settimane di vita si parla di acne neonatale ed è un inestetismo e nient’altro, non è legato all’alimentazione, e scompare nel giro di 2 settimane o al massimo qualche mese. Se i brufoli compaiono invece dopo il mese e mezzo si parla di acne infantile e questa può durare anche per più di un anno.

Le cause dell’acne neonatale sono sconosciute ma ci sono alcune valide ipotesi che vi proponiamo. L’acne può comparire per un’iperattività delle ghiandole sebacee, ma anche a causa di residui degli ormoni materni che circolano nel corpicino del bambino oppure per una iperproduzione di testosterone da parte del neonato.

I brufoli non vanno trattati con nulla: non servono farmaci, lozioni e neanche rimedi naturali. La pelle del bambino è molto delicata e se non vi prescrive qualcosa un dermatologo neonatale non occorre mettere nulla. In questi casi bisogna solo evitare di utilizzare l’acqua troppo calda e di irritare la pelle, quindi è meglio tamponare il viso del bebè con un panno morbido.

L’acne neonatale a volte può essere confusa con la dermatite atopica ma in realtà cambiano i tempi di insorgenza che nel primo caso sono molto rapidi (2 settimane di vita), nel caso della dermatite si parla di 5 – 6 mesi di vita del bambino.

Foto | Pixabay

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog