Cosa significa avere un linfonodo reattivo sottomandibolare? Le cause

Un linfonodo reattivo sottomandibolare solitamente indica la presenza di un'infiammazione e di un'infezione nel nostro organismo, che provoca una vera e propria reazione del nostro sistema immunitario, con conseguente variazione di volume da parte dei linfonodi della zona interessata.

linfonodo reattivo sottomandibolare

La presenza di un linfonodo reattivo sottomandibolare non deve destare troppo allarme. Come già spiegato in passato, se un esame diagnostico come l'ecografia indica la presenza di un linfonodo reattivo, questo è solitamente dovuto a un infiammazione o un'infezione in corso nel nostro organismo e in particolare nella zona legata al linfonodo interessato.

I linfonodi reattivi, infatti, sono la risposta immunitaria del nostro organismo che sta reagendo ad un attacco esterno, che solitamente è un'infiammazione o un'infezione provocata da batteri, virus e altri agenti patogeni esterni con i quali siamo venuti a contatto.

In particolare la presenza di un linfonodo reattivo sottomandibolare potrebbe indicare un'infiammazione in corso nel nostro organismo che può aver colpito la zona della gola, ma anche i denti e persino l'apparato urinario.

Bisogna, in questo caso, indagare le cause che stanno alla base dell'infiammazione: solamente capendo le cause si potrà trattare al meglio la situazione e permettere al linfonodo reattivo di regredire di dimensioni, ritornando alla normalità.

Se l'ecografia ha riscontrato un linfonodo reattivo sottomandibolare parlatene con il vostro medico curante, che saprà indicarvi ulteriori approfondimenti del caso per capire quale infiammazione attualmente in corso nel vostro organismo ha causato un aumento di volume dei linfonodi.

Foto | da Flickr di paul_garland

  • shares
  • Mail