Le cause dei linfonodi ingrossati e i sintomi associati

I linfonodi ingrossati non devono preoccupare subito chi ne soffre: nella maggior parte dei casi si tratta di un problema transitorio. Ecco quali sono le cause principali di un ingrossamento dei linfonodi e quali i sintomi che possiamo provare.

linfonodi ingrossati

I linfonodi ingrossati e gonfi si manifestano quando organismi esterni e patogeni, come virus, parassiti e batteri, attaccano il nostro corpo. Più raramente i linfonodi ingrossati sono sintomi di neoplasie in corso in organi vicini alla zona gonfia.

Molto spesso i linfonodi ingrossati, che sono dolenti al tatto e sono mobili, con arrossamento della parte circostante, sono fisiologici e non devono allarmare, soprattutto nell'infanzia o nelle persone che svolgono lavori manuali. Anche in caso di infezioni, processi infiammatori, virus e batteri, oltre che in caso di alterazioni della produzione endocrina, si possono ingrossare i linfonodi.

I linfonodi ingrossati sono sintomo di malattie come l'Aids, la leucemia, la mononucleosi, l'otite, la parotite, la tubercolosi, anche se nella maggior parte dei casi si tratta semplicemente di un'infezione in corso nel nostro organismo, di una risposta immunitaria del nostro corpo ad agenti patogeni esterni.

Se la zona ingrossata è circoscritta, si parla principalmente di stati infiammatori, infezioni o traumi, mentre se la condizione è più generale, ovvero con linfonodi ingrossati in più parti del corpo, ci potrebbero essere altre malattie in corso.

Ulteriori indagini in merito alla causa specifica del linfonodo ingrossato possono svelarci i motivi di questa reazione immunitaria del nostro corpo.

Via | Mypersonaltrainer

Foto | da Flickr di pulmonary_pathology

  • shares
  • Mail