Stress, liberarsi dalle zavorre e rallentare

stress tempo

Lo stress (eustress) è la nostra reazione psicofisica agli stimoli che ci arrivano dall'esterno. Una reattività che ci tiene in vita e ci consente di essere produttivi, di escogitare soluzioni ai problemi del quotidiano, di migliorare e crescere. Il distress invece è lo stress negativo, ovvero il sollecito eccessivo delle nostre forze in rapporto a quelli che sono i nostri limiti e la nostra capacità di reagire.

Spesso si pensa allo stress eccessivo come ad uno sforzo più che altro fisico, ad esempio ci immaginiamo persone obbligate a rimanere in piedi per oltre dodici ore al giorno piuttosto che costrette ad una vita sedentaria. In realtà esistono diverse forme di stress: dalla pressione emotiva cui è sottoposto chi ha molte responsabilità, alla frustrazione che colpisce chi non si vede riconoscere i meriti del lavoro svolto. Lo stress è un rischio sottovalutato: mettendo in circolo l'ormone cortisolo, abbassa le nostre difese immunitarie, ci provoca degli squilibri psicofisici e ci rende più vulnerabili alle malattie.

Per liberarsi dal distress e rientrare nei limiti dello stress sopportabile dalle nostre forze, dobbiamo individuare i fattori di stress eccessivo presenti nella nostra vita. Chiediamoci ed annotiamo quando ci siamo sentiti incapaci di reagire perché sopraffatti dallo sconforto, dalla fatica e da un carico troppo pesante di lavoro. Dagli oneri familiari agli impegni lavorativi alle azioni semplici della vita di tutti i giorni, cerchiamo di capire dove si esauriscono le nostre risorse vitali ed interveniamo su questi fronti, chiedendo una mano, allentando la tensione, accettando meno incarichi a vantaggio del nostro benessere psicofisico, rallentando.

Dei consigli utili validi per tutti per liberarsi dallo stress eccessivo, o almeno non aggravare la nostra stanchezza ed esacerbare l'ansia, ce li elargisce lo psichiatra americano Henry Emmons, autore di The chemistry of calm: a powerful, drug-free plan to quiet your fears and overcome your anxiety. Rimedi naturali contro lo stress oltre che dritte utili per il nostro percorso di miglioramento personale:


  1. Non pensare sempre e soltanto a cosa non va. Rimuginare sulle preoccupazioni non farà altro che aggravarne il peso.
  2. Non parlare troppo dei nostri problemi. Sfogarsi fa bene ma continuare a lamentarsi ci trascinerà in un vortice di angoscia e nel baratro del vittimismo, impedendoci di reagire e portandoci a crogiolarci nella nostra situazione negativa.
  3. Non abusare di sostanze eccitanti come la caffeina, la teina, la nicotina per sopportare livelli alti di stress né ricorrere ai cosiddetti cibi di conforto (cioccolata, patatine ed altri snack). Il conforto durerebbe poco, non è questa la soluzione. Similmente, non andare sempre di fretta, non ricorrere alla guida ad alta velocità, non lavorare a ritmi troppo frenetici senza concederci neanche una pausa. Sono tutte azioni pericolose che ci mettono in pericolo ed accrescono la nostra angoscia, portandoci a correre rischi ancora più gravi dello stress, come incidenti, errori e distrazioni gravi, dipendenze.
  4. Riposare e concedersi delle pause dopo tante ore di lavoro o dopo uno sforzo emotivo particolarmente intenso è fondamentale, oltre che essere l'unico vero rimedio naturale per recuperare davvero le energie, sia fisiche che psichiche. Assicuriamoci di dormire a sufficienza (almeno 7-8 ore a notte), di fare una pausa proprio quando pensiamo di non potercela permettere, stacchiamo la spina anche solo per un'ora quando sentiamo che stiamo per esplodere. Uscire a fare due passi, ascoltare buona musica, fare una doccia calda, leggere qualche pagina di un buon libro mentre sorseggiamo una bevanda calda in un caffè, in una parola: rallentare.
  5. Non isoliamoci. Gli amici, la famiglia, il partner ci aiutano a sopportare il lato difficile della vita e ci fanno sentire immediatamente più leggeri, riscaldati dall'affetto altrui e scevri da molte delle nostre zavorre, in primis da quel macigno pesante della solitudine che accresce la nostra angoscia.
  6. Spesso la nostra maggiore fonte di stress deriva dal volerci far carico di troppe cose, sentendoci responsabili di quanto avviene intorno a noi in misura nettamente superiore alla nostra reale fetta di responsabilità. Soprattutto se stiamo attraversando un momento difficile della nostra vita, non procuriamoci altre zavorre: è un atteggiamento a dir poco masochista. Cerchiamo al contrario alleanze, energie e persone positive a partire da noi stessi: "Se non sei parte della soluzione, sei parte del problema".

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail