Efferalgan 330: indicazioni, posologia e controindicazioni

Tutte le indicazioni per l'assunzione dell'Efferalgan 330 e le precauzioni da prendere.

L'Efferalgan 33o è un medicinale di automedicazione che appartiene alla classe degli analgesici e antipiretici, coadiuvante nel trattamento degli stati febbrili e influenzali e nei dolori muscolari. Il principio attivo dell'Efferalgan 330 è il paracetamolo, uno dei più utilizzati tra i principi attivi dei medicinali da banco di automedicazione perché facilmente assorbibile dall'intestino, che ne permette l'entrata nel circolo sanguigno nel giro di massimo mezz'ora dall'assunzione.

L'Efferalgan 33o è distribuito sotto forma di compresse effervescenti da sciogliere in acqua e bere immediatamente, perché addizionate con vitamina C che è molto volatile; proprio per la presenza di questo componente, è bene non consumarle alla fine della giornata perché potrebbe essere difficile assorbirla.

La posologia consigliata agli adulti è calcolata in base al peso corporeo, ma si tratta all'incirca di 1-2 compresse ogni 4-6 ore, fino ad un punto massimo di 7 pastiglie ingeribili in un solo giorno. Nel caso il paziente che sta assumendo Efferalgan 330 sia vittima di un'insufficienza renale, è bene non sovraffaticare i reni e aumentare l'intervallo tra le compresse, portandolo fino ad otto ore.

Non esistono particolari controindicazioni nell'assunzione di Efferalgan 330, se non quelle di una ipersensibilità accertata verso i componenti del prodotto e verso il paracetamolo; inoltre è bene tenere sotto controllo il quantitativo di paracetamolo ingerito, perché un sovradosaggio può portare ad effetti collaterali anche piuttosto gravi, tra quali si possono annoverare angioedema, edema della laringe e shock anafilattico come in ogni reazione allergica. Più gravi, sebbene più rari e limitati, i casi di sovradosaggio di Efferalgan 330 che hanno presentato effeti collaterali quali trombocitopenia, leucopenia, anemia, agranulocitosi, alterazioni della funzionalità epatica ed epatiti, insufficienza renale acuta, nefrite interstiziale, ematuria, anuria, reazioni gastrointestinali e vertigini prolungate

Via | TorrinoMedica

  • shares
  • Mail