Pubalgia, gli esercizi migliori per il recupero

Quali movimenti fare per contrastare la pubalgia dopo la terapia antidolorifica e le visite di controllo: leggi i suggerimenti di Benessereblog.

La pubalgia si manifesta con un dolore diffuso nella zona del pube, che può irradiarsi fino all’inguine e a volte arriva ad interessare anche l’interno coscia; sintomo principale di questo fastidio muscolare e nervoso è proprio il dolore, a volte lieve e sopportabile, spesso talmente acuto e intenso da impedire quasi di camminare.

Le cause della pubalgia sono da ascrivere ad un’alterazione più o meno grave della posizione delle vertebre dorsali e lombari, che alterano la distensione della muscolatura dell'area inguinale provocando irrigidimenti e sensazione di dolore; anche alcuni tipi di ernia inguinale e lesioni alle articolazioni dell’anca o del ginocchio, che possono modificare il corretto appoggio del piede e con esso la postura, possono essere manifestazione di pubalgia.

Fortunatamente non è una patologia grave e ci sono diversi rimedi in grado di curare questo fastidio; oltre alla terapia antidolorifica per abbassare il dolore e la visita dal fisiatra per capirne al meglio l'origine (in caso sia dovuta alla postura scorretta), esistono anche degli esercizi che consentono di riacquistare la mobilità dell'area interessata il prima possibile. Vediamo quali sono gli esercizi migliori per il recupero dalla pubalgia.

Fondamentale è la gradualità nell'intensità dei movimenti soprattutto se non si è degli sportivi, in modo da non peggiorare una situazione di dolore già importante: l'allenamento principale consiste in esercizi di stretching, in modo da contribuire alla distensione e all'allungamento muscolare. Utile è anche la corsa sul tapis roulant a intervalli brevi, così come altri esercizi l'allungamento e il rafforzamento dei muscoli addominali, degli adduttori e dei flessori dell'anca, in modo che possano sostenere la parte centrale del corpo nel modo più efficace. Naturalmente è fondamentale svolgerli con l'aiuto di un trainer qualificato che possa correggere i movimenti in caso siano scorretti, per non andare a peggiorare la situazione.

Via | Qnm

  • shares
  • Mail