Fumo di sigaretta: rischi anche per il cervello

Fumo di sigaretta: rischi anche per il cervello

Il fumo di sigaretta aumenta il rischio di soffrire di emorragia subaracnoidea: la conferma arriva da un nuovo studio.

Il fumo di sigaretta fa male alla salute. Lo sappiamo tutti molto bene. Chi fuma lo legge ogni giorno sul pacchetto di sigarette che acquista al tabacchino. Tutti noi conosciamo o abbiamo conosciuto persone che sono state seriamente male a causa del fumo. Alcune hanno persino perso la vita. Nonostante ciò, qualcosa spinge tanti fumatori ad accendere una sigaretta dopo l’altra.

Annoverare i tantissimi rischi che corrono coloro che fumano probabilmente non è il modo più adatto per convincerli a dare un taglio a questo dannoso vizio, anche se i danni provocati dalle sigarette sono in realtà davvero tanti, ed è oggettivamente difficile riuscire a ignorarli.

I fumatori espongono il proprio corpo a sostanze dannose e cancerogene, che accorciano e danneggiano la loro vita. Un nuovo studio ha recentemente dimostrato che esiste un forte legame fra emorragia subaracnoidea (Sah) e fumo di sigaretta. L’emorragia subaracnoidea si verifica con un improvviso sanguinamento nello spazio subaracnoideo, e rappresenta uno dei più gravi disturbi cerebrovascolari. Questa condizione porta spesso alla morte del paziente.

Lo studio condotto su 13.000 coppie di gemelli rivela che questa malattia è fortemente collegata al vizio del fumo. Fra i due elementi esiste infatti una connessione diretta. Lo spiegano i membri dell’Università di Helsinki, il cui lavoro è stato pubblicato sulle pagine della rivista Stroke.

I nostri risultati confermano, per la prima volta, i precedenti sospetti di una reale relazione causale tra fumo ed emorragia cerebrale fatale.

Questo è senza dubbio un motivo in più per smettere di fumare e abbracciare uno stile di vita più sano per voi e per chi vi circonda.

Foto di Free-Photos da Pixabay

via | Ansa

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog