Social Network come strumento di prevenzione


I social network sono siti di aggregazione sociale che mettono in contatto una moltitudine eterogenea di utenti. Le motivazioni che spingono le persone ad iscriversi a questi siti sono molteplici, ma le relazioni tra gli utenti nascono sempre da interessi o argomenti comuni. I legami più frequenti sono sociali (come nel caso di Facebook), lavorativi (LinkedIn), o sentimentali.

Lo scopo comune di questi siti di aggregazione è sempre la condivisione di contenuti e l'interazione tra utenti.
Tra i tanti vantaggi che i social media portano con sé, l'ultimo è stato dichiarato dal National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism (NIAAA), che ha indagato i fenomeni connessi ai messaggi sull'alcol pubblicati su Facebook con l'intento di analizzare il problema dell'alcolismo tra i giovani.

I ricercatori della University of Wisconsin-Madison e della University of Washington, Seattle, hanno esaminato i profili pubblici di Facebook di oltre 300 studenti universitari iscritti in queste università. Hanno diviso i profili in tre categorie: quelli che non contenevano riferimenti all'alcol, quelli in cui l'alcol veniva citato ma senza riferimenti al bere o all'ubriacarsi, e quelli che includevano riferimenti come "essere ubriaco" o "devastarsi" o altri comportamenti eccessivi.

Secondo i ricercatori gli studenti delle università i cui profili sui siti di social networking fanno riferimento ad abitudini pericolose del bere, hanno più probabilità di avere problemi di alcol significativi a livello clinico, rispetto agli studenti che non pubblicano tali riferimenti.
L'indagine ha quindi offerto uno spunto di riflessione alternativo sull'uso e sugli effetti del social networking utilizzato dai ricercatori come strumento per identificare ed intervenire sugli studenti universitari che rischiano di sviluppare seri problemi di alcol.

Via | National Institute of Health

  • shares
  • Mail