Odio e rabbia rovinano la salute. Come gestire il risentimento.

Zerbino
Tutti noi siamo potenziali vittime di un capo pazzo, di un collega dispettoso, di un compagno infedele o semplicemente di qualcuno che ci fa male. Alcuni, poi, subiscono abusi fisici o sessuali. Ma sembra sia meglio perdonare chi ci ferisce poiché il risentimento persistente può danneggiare la nostra salute fisica.

Secondo Carsten Wrosch, professore associato di psicologia alla Concordia University di Montreal, il senso di amarezza interferisce nel funzionamento del sistema ormonale ed immunitario. Numerosi studi hanno dimostrato che le persone arrabbiate hanno la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca più alta e hanno più probabilità di morire di malattie cardiache e altre malattie.

Fisiologicamente, quando proviamo risentimento verso qualcuno, il nostro corpo istintivamente si prepara a combattere quella persona, e questo genera risposte fisiche come un aumento della pressione sanguigna. "Diventiamo caldi nella misura in cui il nostro sistema infiammatorio risponde a pericoli e minacce", spiega Raison, direttore clinico del Body-Mind program presso la Emory.

Questa reazione, se di breve durata non è pericolosa – anzi potrebbe anche essere utile per combattere un nemico – il problema è se perdura. Quando i nostri corpi sono sempre pronti a combattere qualcuno, l'aumento della pressione arteriosa e di sostanze chimiche come la proteina C reattiva crea un forte stress al cuore e in altre parti del corpo.
"Sono moltissimi gli studi che sostengono che questi stati mentali di negatività causano problemi di cuore e confermano che il loro effetto è lo stesso del fumo” spiega Raison.

Ecco cinque suggerimenti per eliminare l’ amarezza il più velocemente possibile per il bene della propria salute:


1. Sfogati;
2. Guarda le notizie o leggi i giornali o parla con la gente per renderti conto che soffrono in molti e che la sofferenza è solo un parte della vita.
3. Eventualmente affronta la persona che ti ha ferito. A volte dà sollievo, altre volte può rivelarsi controproducente.
4. Continua a ricordarti di tutti i danni fisici che stai facendo a te stesso provando sentimenti negativi. E’ solo té che stai danneggiando!
5. Considera lo stato mentale dell'altra persona: le persone fanno quello che sanno fare non quello che pensano.

Ma attenzione a non essere uno zerbino.

Via | CNN

  • shares
  • Mail