Degustazione e vino spumante: una lingua elettronica come un sommelier

Sommelier
Secondo il metodo classico di produzione del vino spumante (anche noto come méthode champenoise), le caratteristiche di un vino spumante sono determinate dalla quantità di zucchero aggiunto nell’ultima fase del processo. Dopo l’ultima fase di lavorazione il vino viene rabboccato con uno sciroppo di vino e zucchero (liqueur d'expedition) che ne determinerà la tipologia.
Premesso questo, i ricercatori della Universitat Autonoma de Barcelona hanno creato un dispositivo capace di produrre automaticamente le classificazioni simili a quelle di un sommelier utilizzando una combinazione di sistemi di misura chimici e procedure matematiche avanzate.

Per progettare la lingua elettronica, i ricercatori del gruppo di UAB, considerato uno dei gruppi leader a livello mondiale nel settore, hanno prima identificato i campioni di spumante; sono poi riusciti a riprodurre il sistema gustativo umano e distinguere tra diversi tipi di spumante, ottenendo così una classificazione simile a quella di un sommelier; infine hanno reso possibile quantificare la quantità di zucchero aggiunto nel processo di produzione dello spumante, per riprodurre le capacità sensoriali di un sommelier.
Il vino spumante è stato classificato in: Brut Nature (<3 g / L, senza aggiunta di zuccheri), Extra Brut (<6 g / L), Brut (<12 g / L), Extra Dry (12-17 g / l), secco (17-35 g / L), Medium-Dry (33-50 g / L) e Dolce (> 50 g / L).

La lingua elettronica attualmente è in grado di identificare solamente le tre tipologie: Brut, Brut Nature e medie-Dry. Tuttavia, con una formazione adeguata, sarà in grado di identificare tutte le tipologie disponibili sul mercato.

Le lingue elettroniche sono sistemi bio-ispirati creati con lo scopo di riprodurre i sensi della percezione umana.

Via | e! Science News

  • shares
  • Mail