Alghe nell'alimentazione naturale

Ho notato che ogni volta che vado al mio negozio di fiducia di alimenti biologici, la proprietaria consiglia sempre le alghe, a chi si avvicina all'alimentazione naturale. Certo è difficile sapere come utilizzare i vari tipi di alghe. Ho studiato, chiesto e ricercato, oltre che provato un pò..ed ecco le conclusioni.

Arame: alga bruna tra le piu' diffuse in campo alimentare. Proviene in gran parte dalla penisola di Ise in Giappone. Per il sapore, leggermente dolciastro e delicato risulta la più indicate per coloro che si avvicinano per la prima volta a questo alimento.

Kombu: è una Laminaria molto comune nelle acque costiere del Giappone. Risulta ricca di iodio, utile a chi ha la tiroide poco funzionante.

Wakame: è una Laminaria originaria dei mari di Corea, oggi coltivata con successo anche lungo le coste brettoni. Presenta le stesse caratteristiche nutrizionali delle kombu. Il suo consumo è indicato nei casi di carenza di calcio, di cui risulta particolarmente ricca.

Nori: è un'alga rossa dal sapore molto delicato, tanto da essere consigliata a coloro che vogliono iniziare a introdurre le verdure di mare nella loro dieta. E' caratterizzata da un elevato contenuto di proteine e di fosforo.

Hiziki: è un'alga bruna filamentosa, ritenuta in Giappone efficace nel preservare la salute dei capelli e della pelle. Originaria dell'Estremo Oriente, è una delle alghe più ricche di fibra alimentare e di sali minerali.

Sono senza dubbio i macrobiotici i maggiori consumatori di alghe. Se volete saperne di più su alghe e sull'utilizzo in terapie cosmetiche e di cura il sito di Key Alghe, vi dice tutto.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: