Europa, in 3 mesi 160mila morti in più

Europa, in 3 mesi 160mila morti in più

I dati Eurostat parlano di 160mila morti in più in Europa negli ultimi tre anni.

160mila morti in più in tre anni in Europa. A rivelarlo i nuovi dati di Eurostat, che prendono come punto di riferimento il trimestre da marzo a maggio del 2020 con lo stesso periodo di tempo dal 2016 al 2019. L’emergenza Coronavirus pesa con molte persone in più decedute a causa delle conseguenze e delle complicanze di un virus che sta ancora contagiando numerosi pazienti nel mondo e provocando diverse vittime.

Si tratta semplicemente di dati preliminari, che riguardano 24 paesi europei. Tra marzo e maggio 2020 ci sono stati 160mila morti in più rispetto alla media dello stesso periodo dal 2016 al 2019. L’Eurostat sul profilo Twitter anticipa quindi i dati sulla mortalità, che oggi più che mai sono utili per capire l’impatto della pandemia da Covid-19 nel Vecchio Continente. E quali sono stati gli effetti diretti e indiretti di questa emergenza sulla popolazione europea.

I paesi che hanno subito un aumento maggiore della mortalità sono la Spagna, l’Italia, il Belgio, l’Olanda, la Svezia, la Francia. A inizio marzo l’Italia ha registrato un numero maggiore di decessi rispetto agli anni precedenti, raggiungendo il picco proprio alla fine del mese. In Spagna a inizio aprile il numero di morti settimanali è raddoppiato rispetto allo stesso periodo degli anni. Mentre sempre a inizio aprile i decessi sono diminuiti in Francia e in Svizzera. In Belgio, nei Paesi Bassi, in Svezia e in Portogallo il picco di morti nel 2020 è stato raggiunto tra il 6 e il 12 aprile.

Le zone più colpite sono state il Nord Italia, la zona centrale della Spagna, l’est della Francia e altre regioni belghe e olandesi.

Foto di Mabel Amber da Pixabay

Via | Ansa

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog