Cos’è una pandemia: quali sono state le più gravi della storia?

Cos’è una pandemia: quali sono state le più gravi della storia?

Cosa si intende con il termine pandemia? E quali sono state le più gravi pandemie affrontate dall’umanità? Leggi qui gli aggiornamenti in tempo reale sull’epidemia di Coronavirus in Italia. Cos’è una pandemia? In questi giorni di emergenza coronavirus, con Covid-19 dichiarata ufficialmente pandemia dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, è bene fare un po’ di chiarezza. Pandemia […]

Cosa si intende con il termine pandemia? E quali sono state le più gravi pandemie affrontate dall’umanità?

Leggi qui gli aggiornamenti in tempo reale sull’epidemia di Coronavirus in Italia.

Cos’è una pandemia? In questi giorni di emergenza coronavirus, con Covid-19 dichiarata ufficialmente pandemia dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, è bene fare un po’ di chiarezza. Pandemia è un termine che deriva dal greco pan-demos, che significa “Tutto il popolo“. È un vocabolo utilizzato per parlare di una malattia epidemica che è in grado di diffondersi rapidamente e che coinvolge contemporaneamente più aree geografiche del mondo e un numero elevato di persone.

Il termine pandemia si riferisce alla possibilità che tutta la popolazione mondiale è esposta a un’infezione per la quale non è prevista immunizzazione (virus nuovo, mai visto prima nell’uomo, e assenza di vaccino). Con la conseguenza che gran parte della popolazione potrebbe ammalarsi. Sono da considerarsi pandemiche solo le malattie contagiose.

Ogni emergenza sanitaria mondiale si sviluppa per gradi, come ben spiegato dal National Geographic:

  • Tutto comincia da un focolaio, un aumento di casi confermati di una malattia in una zona del mondo geograficamente ristretta.
  • Da focolaio diventa epidemia, quando questa malattia esce fuori dalla località dove si è sviluppato il focolaio.
  • Da epidemia si passa a pandemia quando la malattia si diffonde in gran parte del mondo colpendo un numero di persone elevato.

Sono tre le caratteristiche che un’epidemia deve avere per diventare pandemia:

  • comparsa di un nuovo agente patogeno
  • capacità dell’agente di colpire gli esseri umani
  • la capacità dell’agente di diffondersi in maniera rapida per contagio

Come sottolineato da Lauren Sauer, assistente universitaria di Medicina di emergenza-urgenza e direttrice delle operazioni al Johns Hopkins Office of Critical Event Preparedness and Response, non si tratta di “una questione di gravità della malattia, o di conteggio dei casi positivi. La questione è piuttosto: c’è una diffusione a livello globale?”.

Le pandemie della recente storia dell’umanità

Quali sono le pandemie che hanno caratterizzato la storia dell’umanità? Una delle prime pandemie raccontate è quella della febbre tifoide del V secolo a.C., durante la guerra del Peloponneso, la cosiddetta peste di Atene. La grande peste nera del 1300 è quella che è ricordata come la peggiore per l’Europa: la popolazione del Vecchio Continente venne dimezzata. Dal XX secolo in poi sono state diverse le pandemie che hanno caratterizzato la nostra storia:

  • L’influenza Spagnola, sviluppatasi durante la Prima guerra mondiale. Venne chiamata così perché le prime notizie di questa epidemia furono riportate da giornali spagnoli: il paese non era sotto censura di guerra, non partecipando al conflitto. Morirono 25 milioni di persone (alcune stime parlano anche di 50-100 milioni), contagiando mezzo miliardo di persone.
  • Influenza asiatica del 1957. Il virus A H2N2 venne isolato per la prima volta in Cina e per l’epidemia venne messo a punto un vaccino in tempi record. La pandemia si concluse tre anni dopo, causando la morte di 2 milioni di persone.
  • Influenza di Hong Kong del 1968, una specie di influenza aviaria molto simile all’Asiatica. Durò due anni causando la morte di 750mila-2 milioni di persone nel mondo. 34mila solo negli USA.
  • La Sars, Sindrome acuta respiratoria grave, del 2003. Questa forma atipica di polmonite è apparsa nel novembre del 2002 nella provincia del Guangdong in Cina. In un anno sono morte 800 persone. Non venne identificata come pandemia, solo come epidemia.
  • Influenza suina del 2009, provocata da un virus A H1N1. In Italia ha contagiato un milione e mezzo di persone, ma la sua mortalità era molto bassa.
  • Codiv-19 del 2020, dichiarata pandemia dall’Oms l’11 marzo 2020. L’epidemia ha cominciato a diffondersi a dicembre 2019 da Wuhan, provocata da un nuovo coronavirus che ha fatto il salto di specie.

Foto iStock

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog