Coronavirus: informazioni, numeri utili, chi contattare e comportamenti da seguire

Coronavirus: informazioni, numeri utili, chi contattare e comportamenti da seguire

Coronavirus: le informazioni utili, i siti da seguire e i numero da chiamare in caso di necessità.

Aggiornamenti in tempo reale sull’epidemia di Coronavirus in Italia.

La conoscenza è sempre importante. Studiare e informarsi aiuta a conoscere da vicino e in modo oggettivo questioni che, senza un’adeguata consapevolezza, possono apparire terrificanti. È questo il caso del nuovo Coronavirus, la cui malattia sta scatenando paura (in molti casi incontrollata) in tutto il mondo, Italia compresa.

Ma quali saranno i siti da consultare per chi desidera aggiornarsi in merito al virus e alla malattia COVID-19? Il consiglio delle autorità è quello di seguire il buonsenso, e seguire i siti ufficiali, dove le informazioni sono davvero attendibili, e dove lo scopo è quello di informare la popolazione, e non di scatenare panico e ondate di razzismo e aggressività vergognose e immotivate. Ricordate che le malattie si possono curare, ma la discriminazione e l’odio lasciano ferite profonde e difficili da rimarginare.

Detto ciò, di seguito vi segnaliamo quali sono i siti da consultare per trovare aggiornamenti sul Coronavirus e una lista di informazioni sui contatti e i comportamenti da assumere in questa situazione.

Coronavirus: i siti da seguire per tenersi informati

Fra i siti che vi consigliamo di seguire per trovare informazioni ufficiali e veritiere sulla diffusione del Coronavirus segnaliamo:

Coronavirus: le fonti da evitare

Dopo avervi segnalato quali sono i siti da seguire per tenersi informati sul Coronavirus, scopriamo adesso quali sono le fonti che dovreste assolutamente evitare! Fra le prime segnaliamo i conoscenti che divulgano strane teorie (spesso “complottiste”) su virus creati appositamente per danneggiare uno Stato o una determinata fascia di persone.

Evitate di seguire siti non attendibili o che cercano di diffondere paura e allarmismo, scatenando il panico nella popolazione. Ricordate che la paura non è amica della ragione, soprattutto in questo caso. Siate prudenti, ma pur sempre ragionevoli.

E in tal senso, è di certo ragionevole non affidarsi agli audio diffusi su Whatsapp e su altri social network. Audio tra l’altro provenienti da fonti di dubbia affidabilità, che potrebbero però diffondere uno sproporzionato allarme nella popolazione.

Chi contattare in caso di necessità?

Detto ciò, chi contattare in caso di sospetto contagio da coronavirus? In Italia è attivo il numero unico nazionale 1500 del Ministero della Salute, oltre al numero 112 per la segnalazione degli eventuali casi di contagio. Le Regioni hanno inoltre istituito una serie di Numeri Verdi da chiamare in caso di necessità, ovvero:

  • Campania: 800 90 96 99
  • Emilia-Romagna: 800 033 033
  • Friuli Venezia Giulia: 800 500 300
  • Lazio: 800 11 88 00
  • Lombardia: 800 89 45 45
  • Marche: 800 93 66 77
  • Piemonte: 800 333 444
  • Provincia autonoma di Trento: 800 86 73 88
  • Toscana: 800 55 60 60
  • Trentino Alto Adige: 800 751 751
  • Umbria: 800 63 63 63
  • Val d’Aosta: 800 122 121
  • Veneto: 800 46 23 40.

Coronavirus: come comportarsi?

E per chi si stesse chiedendo come bisognerebbe comportarsi in questo momento, la risposta è “usando il buonsenso”. La maggior parte delle persone è preoccupata e spaventata per la diffusione del virus, ma per tutelare la propria incolumità e quella dei propri cari è fondamentale seguire le indicazioni del Ministero della Salute in materia di igiene e contatti con persone, soprattutto se presentano sintomi influenzali.

Evitate di toccare occhi, naso e bocca con le mani non perfettamente pulite, e disinfettate le superfici utilizzando prodotti a base di candeggina / cloro, solventi, a base di etanolo al 75%, acido peracetico e di cloroformio.

Qualora doveste temere un possibile contagio, non intasate pronto soccorso o studi del medico, ma contattate i numeri che vi abbiamo segnalato in alto, ed evitate contatti stretti con le persone che vi circondano. Evitate infine di assumere farmaci antivirali o antibiotici, a meno che non sia stato il vostro medico a prescriverli.

Foto da Pixabay

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog

Contagio coronavirus: il video dell’Unicef