Nave Costa Crociere bloccata a Civitavecchia, caso sospetto di Coronavirus

Nave Costa Crociere bloccata a Civitavecchia, caso sospetto di Coronavirus

A Civitavecchia 6000 persone sono bloccate su una nave della Costa Crociere per possibile rischio Coronavirus. Ecco gli ultimi aggiornamenti.

La nave da crociera Costa Smeralda è bloccata da diverse ore a Civitavecchia per un potenziale rischio di contagio da Coronavirus. Secondo le fonti, una coppia di sposi cinesi provenienti da Hong Kong sarebbe infatti in isolamento dentro l’ospedale di bordo della nave. Solo la donna presenterebbe dei “lievi sintomi influenzali” (ovvero febbre e problemi respiratori), ma anche il marito è sotto osservazione a scopo precauzionale.

Per accertarsi che non si tratti di un contagio da Coronavirus, dei campioni sono stati mandati all’ospedale Spallanzani di Roma. I primi test avrebbero dato esito negativo. Si attendono conferme ufficiali.

Secondo le ricostruzioni, la coppia sarebbe arrivata da Hong Kong all’aeroporto Malpensa di Milano il 25 gennaio, quindi si sarebbe diretta a Savona, dove è salita a bordo della nave Costa Smeralda. Insieme a loro vi sono altri 751 passeggeri cinesi, che – insieme a tutte le altre persone coinvolte nella vicenda – sono praticamente isolati all’interno della nave, dalla quale non possono scendere.

Nave ferma a Civitavecchia: le dichiarazioni del sindaco

Il sindaco di Civitavecchia Ernesto Tedesco si sarebbe infatti rifiutato di far sbarcare i passeggeri dalla Costa Smeralda, almeno finché non sarà lo stesso Spallanzani a dare il via libera:

La Capitaneria si è attivata immediatamente per comprendere quello che stava accadendo. Sono stati svolti gli accertamenti e quindi è stato vietato lo sbarco e l’imbarco sulla nave per ovvi motivi. Successivamente si è sparsa la voce che potevano scende dei passeggeri, chiaramente questa cosa ci ha allarmato

ha spiegato il sindaco di Civitavecchia, aggiungendo di aver chiarito, comunicando a tutti gli organi competenti, che a suo avviso sarebbe opportuno aspettare l’esito delle analisi prima di far scendere i passeggeri.

Potete comprendere la mia necessità, come sindaco, di tutelare la salute e l’incolumità dei miei i cittadini. Mi hanno poi confermato che non c’è nessuna autorizzazione allo sbarco e che si è in attesa di una risposta dallo Spallanzani, speriamo che sia positiva e che si risolva questa situazione.

Cresce intanto il nervosismo fra coloro che si vedono costretti a rimanere a bordo della nave anche questa notte.

via | Ansa
Foto da Facebook

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog