Padova: studentessa infettata da Hiv in laboratorio durante la tesi fa causa all’università

Padova: studentessa infettata da Hiv in laboratorio durante la tesi fa causa all’università

Una studentessa sarebbe stata infettata dal virus dell’Hiv mentre preparava la tesi presso il laboratorio dell'Università. Oggi fa causa a due atenei.

Una studentessa ha recentemente fatto causa a due Università. Sette anni fa la giovane donna sarebbe stata infatti infettata mentre manipolava alcune particelle di Hiv, durante la realizzazione della sua tesi di laurea presso il laboratorio di un’università straniera.

A distanza di pochi mesi la ragazza ha scoperto di essere stata infettata dal virus dell’Hiv, e la sua vita è cambiata completamente. La studentessa – che si è poi laureata in un’Università del Veneto – non ha rivelato nulla in merito alla sua malattia alla maggior parte delle persone con cui è entrata in contatto.

Adesso però la ragazza, a distanza di sette anni da quel tragico evento, ha deciso di fare causa sia all’ateneo italiano di partenza che a quello straniero che l’ha ospitata e dove è avvenuto il contagio, chiedendo al Tribunale di Padova un risarcimento milionario.

Il legale della ragazza, Antonio Serpetti, del foro di Milano, ha fatto sapere che il virus che ha colpito la sua cliente corrisponde a quelli ricostruiti in laboratorio, per cui è plausibile pensare che il contagio possa essere avvenuto durante l’attività di ricerca.

Non può averlo contratto in altro modo se non in laboratorio, perché non è possibile trovarlo fuori da esso.

Il legale ha aggiunto che questo tipo di virus è trattabile, ma con maggiori difficoltà, dal momento che i farmaci disponibili sono stati sviluppati per trattare i virus circolanti nella popolazione.

Ora spetta al giudice nominare un perito che effettuerà ulteriori valutazioni e quindi potrebbero ipoteticamente anche determinare un’impostazione diversa. La ragazza lavorava su particelle virali parziali, con materiale genetico parcellizzato quindi non doveva essere infettante. Cosa è accaduto? Saranno le indagini a fare luce sulla vicenda.

via | Quotidiano.net
Foto da Pixabay

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog