Terra dei Fuochi, pazienti con tumore: metalli tossici nel sangue

Terra dei Fuochi, pazienti con tumore: metalli tossici nel sangue

Una ricerca condotta tra i pazienti malati di tumore della Terra dei Fuochi ha rilevato metalli tossici nel sangue più alti della norma.

I pazienti malati di tumore che vivono nella Terra dei Fuochi hanno dei valori di metalli tossici e pesanti nel sangue che sono ben oltre la norma. Una ricerca pubblicata sul ‘Journal of Cellular Physiology’ e condotto dai ricercatori dell’università di Siena ha di fatto confermato il legame tra gli sversamenti di rifiuti nelle province di Napoli e Caserta e l’aumento di malattie neuro degenerative e tumori.

Lo studio è stato condotto dosando i livelli di metalli pesanti cancerogeni e inquinanti organici persistenti (Pop) presenti nel sangue di 95 pazienti malati di tumore che vivono in Campania. Iris Maria Forte dell’Int Fondazione Pascale – Crom di Mercogliano, primo autore dello studio, sottolinea che alti livelli sono stati rilevati nei pazienti residenti a Pianura, Giugliano, Qualiano e Castel Volturno.

In particolare un risultato staticamente significativo si è osservato per Giugliano, dove i pazienti oncologici hanno livelli ematici di cadmio e mercurio più elevati rispetto ai controlli sani. Abbiamo effettuato l’arruolamento dei pazienti solo dopo una accurata analisi anamnestica, per ridurre il più possibile gli effetti confondenti.

Antonio Giordano, docente del dipartimento di Biotecnologie mediche dell’Università di Siena e direttore dello Sbarro Health Research Organization (Shro) di Philadelphia, spiega che il fenomeno della Terra dei Fuochi non è assolutamente da sottovalutare. La situazione in Campania è un’emergenza e come tale va trattata.

Antonio Giordano poi aggiunge:

Vaste aree delle province di Napoli e Caserta sono afflitte da decenni da un’alacre attività illecita di sversamenti incontrollati di rifiuti industriali e urbani di varia natura e nelle stesse zone è stato registrato un aumento dell’incidenza di svariate patologie cronico-degenerative, inclusi i tumori. Su queste basi ho accettato di coordinare il progetto di ricerca – prosegue – che ha avuto l’obiettivo di dosare la concentrazione di 4 metalli pesanti (As, Cd, Hg e Pb) e 4 classi di composti organici persistenti nel sangue di pazienti oncologici residenti in diverse aree territoriali campane.

Le osservazioni di questo studio confermano alcune ricerche precedenti. E meritano sicuramente ulteriori indagini e approfondimenti.

Foto Pixabay

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog