• Benessereblog
  • Cronaca
  • Epidemia di morbillo alle Isole Samoa: bandiere rosse indicano i non vaccinati

Epidemia di morbillo alle Isole Samoa: bandiere rosse indicano i non vaccinati

Epidemia di morbillo alle Isole Samoa: bandiere rosse indicano i non vaccinati

L'epidemia di morbillo alle Isola Samoa è senza precedenti. Chi non è vaccinato è indicato con una bandiera rossa. Partita la vaccinazione di massa.

Un’epidemia di morbillo senza precedenti sta interessando le Isole Samoa. I casi segnalati nelle ultime settimane sono più di 4.200. Sono già morte 62 persone. Nessuna delle vittime si era sottoposta al vaccino per il morbillo. Dal 15 novembre, quando l’epidemia è esplosa, nelle isole della Polinesia è scattata ufficialmente l’emergenza sanitaria nazionale.

Per cercare di fermare la diffusione della malattia che tutti pensavano ormai eliminata a livello mondiale, il governo ha deciso di chiudere i servizi pubblici per qualche giorno. I bambini non possono più frequentare i luoghi pubblici, i posti affollati e, in linea generale, ogni luogo dove ci siano maggiori possibilità di contagio. Le autorità sconsigliano di uscire di casa, tanto che le strade sono praticamente vuote. Le scuole sono chiuse a data da definirsi. Le sedi del governo non apriranno per molto tempo. Chiusi anche i negozi. Tutte le attività non fondamentali sono state sospese per due giorni.

La percentuale di vaccinati nelle isole Samoa era bassissima. Dal 20 novembre è partita una campagna di vaccinazione di massa. Tuilaepa Sailele Malielegaoi, primo ministro dell’isola, ha detto che è in corso la campagna di vaccinazioni più imponente della storia. Ha già ricevuto una dose più di un quarto della popolazione: 58mila persone sono state sottoposte d’urgenza alla vaccinazione per evitare il contagio ed evitare il propagarsi della malattia. Dai paesi vicini arrivano aiuti per dare una mano nella vaccinazione e nel programma di immunizzazione del paese.

Intanto davanti alle case sono apparse delle bandiere rosse. È il simbolo che indica che in quei luoghi vivono persone che non sono state vaccinate per il morbillo. Così i medici possono trovarli con maggiore facilità.

Foto Pixabay

Via | Repubblica

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog