• Benessereblog
  • Prevenzione
  • Cos’è l’MRSA: sintomi e terapia delle infezioni da Staphylococcus aureus resistente alla meticillina

Cos’è l’MRSA: sintomi e terapia delle infezioni da Staphylococcus aureus resistente alla meticillina

Cos’è l’MRSA: sintomi e terapia delle infezioni da Staphylococcus aureus resistente alla meticillina

Cos'è l'MRSA? Sintomi, contagio e terapia delle infezioni da Staphylococcus aureus resistente alla meticillina.

Cos’è l’MRSA? Dall’inglese Methicillin-Resistant Staphylococcus Aureus, stiamo parlando delle infezioni da Staphylococcus aureus resistente alla meticillina. Lo Staphylococcus aureus è un batterio presente sulla cute e sulle membrane mucose. E’ innocuo, ma in alcuni casi può provocare infezioni della pelle e suppurative a livello locale, così come infezioni più gravi in diverse parti del corpo. Alcuni ceppi di questo batterio hanno sviluppato una resistenza agli antibiotici beta-lattamici che di solito si usano nel trattamento di queste infezioni.

Sintomi dell’MRSA

Sono diversi i sintomi dell’MRSA, che dipendono dal luogo dove è inc orso l’infezione. Se l’infezione è sulla cute potremo notare:

  • Foruncoli
  • Ascessi
  • Cellulite infettiva

Se l’MRSA raggiunge sangue e tessuti interni, possiamo notare anche:

  • Febbre a 38 gradi
  • Malessere generale
  • Brividi
  • Stato di confusione
  • Dolori ai muscoli
  • Giramenti di testa
  • Senso di dolore e gonfiore nelle parti più interessate.

Nei casi più gravi possiamo notare setticemia, endocardite, infezioni del tratto urinario, polmonite, artrite settica, osteomielite, borsiti.

Contagio e come si trasmette

Come si trasmette? Il contagio dell’MRSA avviene per contatto diretto con la persone che sono infette o anche per contatto con strumenti medici e apparecchiature medicale non adeguatamente disinfettate. Non a caso la malattia è un problema serio e grave soprattutto negli ospedali, dove colpisce di solito le persone immunodepresse o con sistema immunitario indebolito.

Terapia per le infezioni da Staphylococcus aureus resistente

La terapia per l’MRSA è, ovviamente, a base di antibiotici, essendo un’infezione batterica. Essendo, però, resisente agli antibiotici come le penicilline e le cefalosporine, queste non sono utili nel trattamento dell’infezione batterica. Gli antibiotici che più vengono utilizzati sono la vancomicina e la teicoplanina, che appartengono alla classe dei glicopeptidi. In caso di resistenza anche a questi antibiotici, si possono valutare ulteriori classi di farmaci.

Come prevenire la MRSA

  • Lavatevi le mani più volte al giorno.
  • Fate regolari docce.
  • Mantenete pulite le unghie delle mani, che dovranno essere corte.
  • Mai condividere asciugamani e altri prodotti che vanno a diretto contatto con la pelle (saponi, deodoranti), ma anche spazzolini, spazzole, pettine, rasoi, lime.

In caso di MRSA ospedaliera è utile che lo staff sanitario, i pazienti e i visitatori seguano le più basilari norme igieniche:

  • Lavarsi le mani dopo l’uso del bagno e prima di ogni pasto.
  • Tenere camere e bagni puliti.
  • Lo staff medico deve usare indumenti indicati e deve lavarsi le mani dopo ogni contatto con i pazienti.

Foto iStock

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog