Chikungunya in Italia: esiste un vaccino?

Chikungunya in Italia: esiste un vaccino?

Da quanto tempo esiste la Chikungunya in Italia? Esiste un vaccino?

La Chikungunya in Italia non è una malattia nuova: la patologia virale, che provoca nei pazienti febbre acuta e che si trasmette tramite puntura di zanzare infette, è presente in Europa dall’agosto del 2007, quando in Emilia Romagna sono stati identificati i primi casi autoctoni.

La prima epidemia di Chikungunya è stata descritta in Tanzania nel 1952, ma già nel 1779 era stata riscontrata in Indonesia un’epidemia di una malattia che probabilmente potrebbe essere stata provocata dallo stesso agente virale trasmesso dalle zanzare del genere Aedes, come Aedes Aegypti, la stessa che aiuta la trasmissione della febbre gialla e della dengue. In Asia e in Africa altre epidemie sono state registrate in Asia e in Africa.

Esiste un vaccino per la Chikungunya? Purtroppo al momento non esiste alcun vaccino, così come non esiste alcun trattamento specifico contro il virus: la terapia si basa tramite somministrazione di farmaci per alleviare i sintomi.

Via | Ansa

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog