Giovani e alcol: l’83% ne fa un uso estremo in un’occasione

Giovani e alcol: l’83% ne fa un uso estremo in un’occasione

L'Ordine degli Psicologi lancia l'allarme sull'abuso di alcol tra i giovani.

I giovani e l’alcol, una storia di abusi come sottolinea l’Ordine degli psicologi ER. I dati che emergono da una ricerca dell’Osservatorio Epidemiologico delle Dipendenze Patologiche dell’Azienda Usl di Bologna sono allarmanti: su 390 ragazzi e ragazze tra i 18 e 29 anni, l’83% fa uso estremo di alcol concentrato in un’occasione.

Fino a qualche anno si parlava di Binge Drinking, oggi si parla di “Heavy Episodic Drinking” (HED), un fenomeno che riguarda molti adolescenti e giovani adulti: l’abbuffata alcolica è comune nella fascia di età di passaggio alla maturità ed è pericolosa, perché le cattive abitudini seguite in questa fase della vita possono durare a lungo, diventando dipendenza.

La saltuarietà del comportamento può aumentarne la pericolosità: i ragazzi lo ritengono di poco conto, occasionale, ma comunque si può cronicizzare nel tempo. Anche senza degenerare in alcolismo, il fenomeno ripetuto può avere conseguenze psicologiche e sociali: lo stato di alterazione causa difficoltà nel gestire impulsi e relazioni affettive, famigliari, sessuali. Tra i sintomi possiamo citare ansia e depressione.

Ma perché i giovani abusano con l’alcol? Per sentirsi e apparire più grandi, per trasgredire, per farsi accettare. La prevenzione è molto importante, come sottolineano gli esperti!

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog

Tumori rari: il progetto “Accelerator Award” di Marcello Deraco