Istamina, Eurospin ritirato un lotto di acciughe sott’olio

Istamina, Eurospin ritirato un lotto di acciughe sott’olio

Eurospin ha ritirato un lotto di acciughe sott'olio per contaminazione da istamina.

Eurospin Italia ha richiamato delle confezioni di acciughe sott’olio per la presenza di istamina oltre il livello massimo consentito. Come si legge anche sul sito del Ministero della Salute, il ritiro del lotto SK343A di filetti di acciughe in olio di oliva Athena, importato da Sea Fish Spa e prodotto in Marocco, porta la data del 6 novembre 2017.

Si chiede ai consumatori di non mangiare il prodotto e di restituirlo immediatamente presso il punto vendita di acquisto.

In queste ore anche un prodotto venduto da Lidl è stato ritirato, per altri motivi: si tratta della confezione di totano gigante in olio di semi di girasole assortito, aglio e paprika (a marchio Sol&Mar, prodotto da Conservas Selectas de Galicia in Spagna) che LIDL Italia ha richiamato per una “possibile presenza di cristalli di struvite naturali, che possono graffiare“.

[quote layout=”big”]Si invitano i consumatori che avessero acquistato il prodotto a non consumarlo e a riportarlo al punto vendita per il rimborso.[/quote]

Via | Adnkronos

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog

Tumori rari: il progetto “Accelerator Award” di Marcello Deraco