Dormire male danneggia anche le ossa

Dormire male danneggia anche le ossa

Dormire poco danneggia anche le ossa. Ecco cosa emerge da un nuovo studio.

Dormire male potrebbe danneggiare anche la salute delle ossa. A suggerirlo è un nuovo studio della University of Colorado, secondo cui dormire poco e male potrebbe provocare una perdita della massa ossea. Nello specifico, i ricercatori hanno scoperto che nel sangue degli uomini sani si sarebbero registrati ridotti livelli di un marker della formazione ossea dopo 3 settimane di restrizione del sonno cumulativa e interruzione del ritmo circadiano, conseguenze simili a quelle causate dal jet lag o dal lavoro a turni.

Questo equilibrio osseo alterato crea una potenziale perdita di massa ossea che potrebbe portare ad osteoporosi e fratture ossee

spiegano gli autori dello studio, i quali hanno condotto dei test su un campione di volontari, alcuni più giovani e altri più anziani. Per 3 settimane, i volontari sono andati a dormire ogni giorno più tardi rispetto a quello precedente, con una conseguente perdita di molte ore di sonno. Durante la veglia, i partecipanti hanno assunto la stessa quantità di calorie e nutrienti, e gli esperti hanno prelevato dei campioni di sangue al basale e dopo le 3 settimane. Dai campioni sarebbe emerso che tutti i partecipanti avevano livelli di un marker della formazione ossea (chiamato P1NP) significativamente più bassi rispetto al basale, variazione che sarebbe stata più significativa per i partecipanti più giovani rispetto che per quelli più anziani (27% in meno rispetto al 18% degli uomini più grandi).

Ulteriori studi saranno necessari per confermare questi risultati, e per scoprire se ci sono differenze nelle donne.

via | ScienceDaily

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog