Sindrome da visione al computer: quali sono i sintomi e i rimedi

Sindrome da visione al computer: quali sono i sintomi e i rimedi

Un uso prolungato di schermi elettronici può provocare una sindrome da affaticamento nota come stanchezza cronica da schermo.

La sindrome da visione al computer colpisce tutte quelle persone che trascorrono più di 7 o 8 ore al giorno davanti a uno schermo elettronico. In particolare sono coinvolti molti lavoratori le quali professioni richiedono la permanenza al computer per molte ore al giorno. Tecnici informatici, giornalisti, redattori, ma anche impiegati di vario tipo e un numero sempre più alto di giovani che trascorrono svariate ore davanti ai loro videogame o navigando su internet.

La sindrome da visione al computer si manifesta in genere dopo un periodo abbastanza prolungato di permanenza continuativa davanti a uno schermo o al computer, in genere dopo almeno un anno. La maggior parte degli schermi che vengono utilizzati attualmente come quelli LCD o LED, emettono una luce blu. Questa luce provoca uno stress ossidativo della pigmentazione retinica, inibendo la secrezione di melatonina e affaticando la vista.

La melatonina è un ormone prodotto dalla ghiandola pineale e influenza il nostro ritmo circadiano, ovvero quell’orologio interno che regola il ritmo sonno-veglia. I sintomi tipici della sindrome da visione al computer infatti coinvolgono la sfera del riposo e possono provocare insonnia e disturbi del sonno, ma anche e innanzitutto affaticamento della vista, secchezza oculare, stanchezza immotivata, mal di testa, senso di pesantezza, perdita di lucidità, visione offuscata e giramenti di testa.

I rimedi contro la sindrome da visione al computer prevedono innanzitutto una riduzione delle ore di lavoro al computer e una miglior regolazione dei fattori ambientali come l’illuminazione e la postura. Abbassare la luminosità dello schermo e regolare l’emissione della luce blu può essere di grande aiuto. Un programma gratuito come F.lux può essere di grande aiuto per chiunque debba stare al computer per molte ore.

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog

Farmaci all’avanguardia per l’Osteoporosi