Fascite plantare: i 5 fattori di rischio

Fascite plantare: i 5 fattori di rischio

I fattori di rischio della fascite plantare, come le cause, sono tutti legati al movimento

Guarda la galleria: Fascite plantare

La fascite plantare, conosciuta anche come tallonite o talalgia, è un dolore localizzato nella zona del tallone e colpisce soprattutto sportivi e lavoratori che sottopongono il piede a continui sforzi.

I sintomi della fascite plantare sono riconducibili al dolore, causato dal logoramento del tessuto connettivo della volta plantare, la base del piede. Una serie di traumi e microtraumi può letteralmente sfibrare il tessuto connettivo provocando un’infiammazione dolorosa.

Se le cause della fascite plantare sono sempre movimenti meccanici del piede o una serie di sforzi che mettono il tessuto connettivo sotto stress, i fattori di rischio della fascite plantare riportati dall’Associazione Americana di Ortopedia dei piedi e delle anche sono principalmente questi:

  1. essere donna: le donne sono statisticamente più soggette a questo tipo di infiammazione
  2. essere sovrappeso: il carico maggiore sul piede rende più probabile e grave la rottura del tessuto connettivo
  3. lavori logoranti: tutti quei lavori che costringono a stare in piedi e camminare a lungo su superfici dure, artificiali come il ferro, il cemento e le ceramiche aumentano la probabilità di sviluppare la tallonite
  4. sport e attività fisica: sebbene estremamente salutari, queste attività aumentano il rischio il logorio per i piedi
  5. muscoli del polpaccio stretti, piedi piatti e archi plantari alti aumentano il rischio di fascite plantare

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog