Alimenti troppo ricchi di sale: le alternative

saltTroppi alimenti contengono troppo sale, specialmente per chi segue diete speciali o soffre di ipertensione. Come fare a ridurne il contenuto? Scegliendo valide alternative. Viviendo Sanos ne propone alcune, soprattutto per eliminare gli insaccati che ne sono strapieni. Meglio preferire la carne fresca ogni volta che sia possibile, soprattutto se bianca.

Lo stesso vale nel caso del pesce: preferite il pesce fresco da cucinare al momento a quello in scatola o essiccato, sotto sale o sott’olio, spesso pieno di additivi. Meglio evitare anche le zuppe e le minestre pronte, preferendo la preparazione casalinga senza aggiungere dadi da cucina che rendo il sapore più sapido ma elevano il contenuto di sale. Lo stesso vale per le salse.

Preferite le spezie al sale o ai preparati già pronti che contengono mix di spezie unite al sale, per esempio per dare sapore agli arrosti o alle patate al forno. Le erbe fresche sono ancora meglio se ne avete una piccola selezione in terrazzo.

E all’aperitivo? È il momento in cui più si rischia di esagerare col sale: patatine fritte, frutta secca e spesso salata, tocchetti di formaggio stagionato, crostini, pop corn, paté di olive e così via. Delizie irrinunciabili, ma salatissime. Meglio fare l’aperitivo a casa scegliendo frutta secca fresca e non salata, che fa sempre bene all’alimentazione.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail