Mani screpolate in inverno: come proteggerle dal freddo

handsIn inverno dovremmo lavarci le mani più spesso per scongiurare il contagio dell’influenza, che ormai sappiamo avviene per la maggior parte tramite le nostre mani che sono sporche, sporchissime, anche quando non ce ne rendiamo conto. Però a forza di lavarle in continuazione e con l’aiuto del freddo invernale, finiscono per seccarsi.

I vari gel igienizzanti non risolvono, ma anzi possono seccare di più la pelle delle mani. Se poi ci aggiungiamo il contatto con sostanze alcaline e detergenti aggressivi le nostre mani non hanno speranza di salvarsi dalle screpolature. A meno che non si segua qualche consiglio per mantenerle in forma.

Quando lavate i piatti, fate le pulizie o lavorate se siete a contatto con sostanze aggressive sulla pelle indossate sempre, senza deroghe, i guanti in gomma, in lattice o in vinile. Scegliete quelli sottili e aderenti per non sacrificare la sensibilità.

In inverno utilizzate sempre una buona crema idratante, preferibilmente con filtro solare e dalla formulazione ricca. Mettetene in piccola quantità quando uscite se non volete la sensazione di unticcio sulla pelle.

Abbondate invece la sera, magari indossando dei guanti di cotone per far assorbire meglio la crema tenendola qualche ora. La crema penetra meglio se la massaggiate a lungo con piccoli movimenti circolari. Meglio evitare quelle a base di petrolati, che non nutrono davvero la pelle ma si limitano a creare un film protettivo che svanisce appena ci laviamo le mani.

Usare per la detergenza un sapone con ph neutro o arricchito di aloe, che lenisce le irritazioni, ammorbidisce la pelle e la idrata in profondità assicurandone l’elasticità che previene le screpolature.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail