L’ulcera cutanea: le cause e la cura

L’ulcera cutanea: le cause e la cura

Le ulcere cutanee sono lesioni della pelle e delle mucose che non guariscono. Vediamo le possibili cause e le cure

L’ulcera cutanea è una lesione della pelle, delle mucose o delle membrane che ricoprono i vasi sanguigni o il bulbo oculare, che non è in grado di rimarginarsi e guarire da sola. Il processo di riepitelizzazione, per ragioni meccaniche o patologiche, non si attua in modo corretto e per questa ragione la ferita continua a mantenersi “viva”.

Le più comuni e dolorose ulcere cutanee sono le cosiddette piaghe da decubito o da pressione, che si verificano nelle zone del corpo che permangono immobili nella stessa posizione per molto tempo, pensiamo a coloro che sono allettati in modo permanente o per lunghi periodi.

Un altro genere di ulcera cutanea comune è quella nota come piede diabetico. Ma vediamo tutte le diverse tipologie di lesioni ulcerative e come si possono curare:

  • Ulcera da decubito o da pressione. Questa lesione che non guarisce è determinata dal mancato afflusso di sangue (e quindi alla mancata ossigenazione) in quell’area del corpo (ad esempio la zona sacrale)
  • Ulcera diabetica del piede. In questo caso l’origine della lesione è neuropatica e determinata da un’anomalia nella circolazione del sangue negli arti inferiori con insufficiente ossigenazione
  • Ulcera della bocca (ad esempio le lesioni aftose o gengivali, di origine infettiva, autoimmune da deficit immunitario o di natura tumorale)
  • Ulcera corneale dell’occhio (in genere di origine traumatica, autoimmune o batterica)
  • Ulcera vascolare. Può essere acuta o cronica, in genere colpisce gli arti inferiori con rallentamento della circolazione e conseguente danno ai tessuti. L’ulcera vascolare, a seconda dei vasi che colpisce, può essere a sua volta distinta in venosa, arteriosa, mista, da stasi, varicosa
  • Ulcera venerea. Colpisce le mucosa dei genitali e può avere origine tumorale, infettiva, traumatica

Tutte le ulcere cutanee provocano dolore, a seconda della localizzazione della natura possono essere asciate a sanguinamento, gonfiore, arrossamento. Come abbiamo visto le ulcere cutanee sono di diverso tipo e per tale ragione anche le cure saranno diversificate a seconda della patologia primaria. In generale, però, queste lesioni della pelle, che sono ad alto rischio di infezione e necrosi, devono essere trattate con misure igieniche scrupolose, tenute pulite e disinfettate accuratamente.

La zona va pulita usando detergenti antibatterici, medicata con unguenti che non favoriscano la macerazione dei tessuti e bendata. Qualora l’ulcera si infetti è necessario somministrare al paziente una terapia antibiotica sistemica. Esistono poi una serie di terapie che stimolano la rigenerazione dei tessuti come l’ossigenoterapia, l’elettroterapia, gli ultrasuoni, e persino l’autoinnesto cutaneo.

Accanto a queste cure, però, è altresì necessario che il paziente segua alcune norme di vita che riducano il fattore infiammatorio. Ad esempio è indispensabile che smetta di fumare, assuma vitamine e antiossidanti attraverso una dieta varia ed equilibrata in cui siano presenti frutta e verdura, e mantenga i livelli glicemici sotto controllo.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog