I sintomi della laringite, la cura e cosa fare se diventa cronica

I sintomi della laringite, la cura e cosa fare se diventa cronica

La laringite è l'infiammazione della laringe che può avere diverse cause ed essere acuta o cronica. Vediamo le cure

La laringite è l’infiammazione della laringe, l’organo della respirazione che si trova nella gola, situato tra faringe e trachea, in corrispondenza delle corde vocali. Queste ultime sono delle sottili pieghe di tessuto cartilagineo che vibrando per effetto del passaggio dell’aria che proviene dal polmoni producono il suono, quindi la voce. Tornando alla laringe, l’infiammazione delle sue mucose può avere diverse cause, tra cui infezioni virali e batteriche, forme allergiche, complicanze di raffreddori, bronchiti o influenze.

La laringite si distingue in acuta (con insorgenza improvvisa legata in genere all’azione infettiva di agenti patogeni come i virus), e in cronica, speso associata a disturbi allergici, come la “febbre da fieno” (allergia ai pollini).

Questa infiammazione può anche avere esordio acuto e poi cronicizzarsi a causa della frequente esposizione a sostanze irritanti per la gola, ad esempio vapori o vernici, smog e fumo di sigaretta, ma all’origine della laringite cronica c’è spesso uno sforzo eccessivo della gola, per questa ragione viene definita malattia professionale per cantanti, presentatori e insegnanti. Tutti coloro che “lavorano” con la voce. I sintomi della laringite sono i seguenti:

  • Dolore alla gola con senso di fastidio che si accentua durante la deglutizione
  • Tosse secca e stizzosa
  • Raucedine
  • Difficoltà a parlare
  • Gola secca

La laringite acuta conseguenza di raffreddori e altre infezioni alle prime vie respiratorie si accompagna a naso tappato, catarro, talvolta febbre, mentre la forma cronica è piuttosto caratterizzata da tosse secca che non guarisce, pizzicore alla gola persistente, voce rauca o alterata.

La laringite si cura prima di tutto con tanto riposo, soprattutto se sia cronica e determinata da un uso eccessivo della voce. Un periodo senza parlare può essere necessario per riassorbire l’infiammazione.

Dal momento che il freddo accentua i sintomi è bene tenere la gola al caldo ma senza seccare le mucose, perché proprio a causa dell’infiammazione la gola tende a seccarsi. Dunque via libera i suffumigi con vapore caldo e oli essenziali balsamici (eucalipto, cipresso, pino), e bevande calde con miele, quest’ultimo infatti ha un ottimo effetto lenitivo.

Se la laringite ha un’origine batterica, però, è necessario curarla con gli antibiotici, e se invece è causata da un’allergia, si deve evitare di entrare in contatto con l’allergene responsabile dell’infiammazione (ad esempio i pollini o gli acari della polvere) e ridurre al risposta immunitaria con antistaminici e cortisonici.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog