I sintomi del varicocele, le cause e la cura

I sintomi del varicocele, le cause e la cura

Il varicocele è una malformazione vascolare che colpisce i testicoli. Vediamo le cause, i sintomi e come si cura

Il varicocele è una delle più comuni cause di infertilità maschile e un problema abbastanza diffuso tra i giovani dei cui sintomi, però, non è sempre facile accorgersi. Si tratta di una malformazione vascolare, ovvero dell’ingrossamento delle vene dello scroto, una condizione che ha come conseguenza principale una riduzione dell’ossigenazione dei tessuti testicolari.

Le cause del varicocele non sono chiare, spesso è più che altro dovuto ad una predisposizione genetica o anatomica, ma in alcuni casi tali varici sono conseguenza di traumi o infezioni (più raramente tumori), a carico dei testicoli.

I vasi colpiti sono quelli del funicolo spermatico, che collega lo scroto al basso ventre e che al suo interno contiene il dotto deferente, ovvero il canale che porta il fluido spermatico dai testicoli al pene.

E’ facile intuire come un difetto di circolazione in questa delicata zona del corpo maschile abbia poi un effetto negativo sulla sua capacità riproduttiva, riducendo il volume spermatico e abbassando la qualità degli spermatozoi.

Quando le vene si dilatano, infatti, anche la temperatura corporea aumenta, e a causa del ristagno venoso e della mancata nutrizione dei tessuti attraverso l’ossigeno, accade che la produzione di spermatozoi sia rallentata o che lo sperma sia comunque di cattiva qualità.

Dal momento che questo problema è davvero molto comune, tanto da interessare circa un uomo ogni sette soprattutto in giovane età (dai 15 ai 25 anni), vediamo quali sono i sintomi da riconoscere, tenendo conto che nei casi lievi il varicocele è del tutto asintomatico.

  • Dolore in sede provocato da un aumento della pressione venosa soprattutto dopo uno sforzo fisico o dopo essere rimasti a lungo in piedi
  • Un varicocele non lieve si può osservare alla vista e percepire al tatto. Il paziente può accorgesi di un agglomerato di vene tortuose e rilevate simili a vermetti sulla superficie di uno o di entrambi i testicoli

Come si cura il varicocele? Intanto per giungere ad una diagnosi occorre sottoporsi ad una visita andrologica e poi a due esami: un’ecografia testicolare e poi uno spermiogramma, quest’ultimo test serve per valutare l’impatto del varicocele sulla vitalità degli spermatozoi.

Se il problema vascolare è lieve non si fa nulla, ma se il varicocele è grosso, allora la soluzione deve necessariamente essere di tipo chirurgico. La tecnica più usata si chiama scleroembolizzazione, e prevede una piccola incisione nello scroto e l’iniezione di un liquido sclerosante, che fa “seccare” le vene. Non sempre la risoluzione chirurgica del varicocele permette anche un pieno recupero della fertilità quando questa sia già stata compromessa, ma in alcuni casi è comunque l’unica terapia possibile.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Voto| via Pinterest

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog