L’angina pectoris: sintomi, cause e il rischio di infarto

L’angina pectoris: sintomi, cause e il rischio di infarto

L'angina pectoris è un disturbo cardiaco che può avere diversi gradi di gravità. Vediamo le cause e i rischi per la salute del cuore

L’angina pectoris è un disturbo cardiaco associato all’età e all’aumento dei livelli di colesterolo nel sangue. Di fatto questa sindrome altro non è che una diminuzione dell’afflusso di sangue ossigenato verso il cuore, a causa, in genere, di un restringimento delle arterie coronariche.

L’angina è un problema abbastanza diffuso, che insorge più facilmente dopo i 50 anni di età e che può avere diversi gradi di gravità aumentando, se trascurata, il rischio di infarto. Inoltre esiste un’angine stabile, con attacchi che si protraggano per almeno due mesi, e un’angina instabile con sintomi acuti e improvvisi.

Quali sono le cause più comuni di questa cardiopatia? Come anticipavamo, spesso l’angina è conseguenza di un restringimento delle arterie che portano il sangue al cuore nella maggioranza dei casi provocata dalla formazione di placche aterosclerotiche (ovvero placche di colesterolo).

L’angina si verifica quando c’è un restringimento di almeno il 75% dell’arteria, mentre l’infarto avviene quando l’occlusione è totale. Altre possibili cause del ridotto afflusso di sangue al cuore possono essere la formazione o l’arrivo di un trombo (coagulo di sangue) che ostacola il flusso ematico oppure anche uno spasmo dell’arteria.

Malattie cardiache che causano l’angina sono poi la stenosi aortica (restringimento della valvola aortica che porta il sangue al cuore), oppure la miocardiopatia ipertrofica, ovvero l’ingrossamento delle sottili membrane che rivestono il cuore. Vediamo ora i sintomi con cui l’angina pectoris si annuncia:

  • Dolore al torace di intensità variabile (da un lieve fastidio fino ad un dolore acuto al cento del petto)
  • Sensazione di oppressione e di angoscia
  • Affanno, dispnea

Gli attacchi di angina non durano molto a lungo, in genere meno di 20 minuti, e sono favoriti da sforzi fisici, pasti abbonanti, spaventi ed emozioni forti. Quando questi sintomi si verifichino spesso, è importante farsi subito controllare dal cardiologo, sottoporsi ad un elettrocardiogramma ad un ecocardiogramma, ed effettuare anche gli esami del sangue per il controllo dei valori di colesterolo.

Le cure sono di tipo farmacologico e si basano sulla somministrazione di principi attivi che ripristinino il corretto afflusso ematico al cuore in modo da prevenire anche possibili rischi di infarto. Tra i farmaci di solito usati troviamo i beta-bloccanti, i calcio antagonisti, i nitrati, gli anticoagulanti (tra cui la cardioaspirina), le statine.

Detto questo, quando l’angina è agli inizi e soprattutto a scopo preventivo dopo una certa età o quando in famiglia esista una certa predisposizione, si deve modificare lo stile di vita sì da ridurre i fattori di rischio.

Ad esempio è utile smettere di fumare, praticare regolare attività fisica per mantenere tutto l’apparato cardiovascolare in salute e tonificare i vasi, mangiare bene assumendo vitamine e antiossidanti e controllando che i valori del colesterolo LDL non aumentino troppo nel sangue, mantenendo la pressione entro i livelli di guardia.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Foto| via Pinterest

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog