L’influenza? Arriverà dopo Natale

L’influenza? Arriverà dopo Natale

E' questa la previsione di Fabrizio Pregliasco, virologo dell'Università di Milano, secondo cui a fare i conti con il virus più temuto della stagione saranno dai 3,5 ai 4 milioni di italiani

L’influenza stagionale colpirà tra i 3,5 e i 4 milioni di italiani, ma quest’anno si farà attendere. La previsione arriva da Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università degli Studi di Milano che ha spiegato all’Adnkronos Salute come ad oggi in Italia l’attività dei virus influenzali è “a livello base”. A meno di cambiamenti meteorologici inattesi, anche le vacanze di Natale possono dirsi salve. Infatti se le temperature rimarranno basse l’aumento dei casi è atteso per dopo le festività, quando i ragazzi torneranno a scuola.

In effetti a favorire la diffusione del virus non sono le basse temperature in quanto tali. A giocare un ruolo determinante sono l’umidità e la tendenza, più spinta proprio quando fa più freddo, a rimanere a lungo in ambienti chiusi e senza un adeguato ricircolo d’aria. Qui ogni starnuto diventa un’arma di contagio, soprattutto se non si seguono norme igieniche di base come coprire bocca e naso quando si starnutisce e lavarsi spesso le mani. Anche i mezzi pubblici possono diventare veri e propri covi di germi, che contaminando le superfici possono essere inavvertitamente raccolti dagli ignari passeggeri.

Nelle prossime settimane si potrà anche fare un primo bilancio delle conseguenze del falso allarme lanciato nelle scorse settimane con la segnalazione di decessi potenzialmente associati al vaccino antinfluenzale. Sembra infatti che almeno in alcune regioni la paura dei rischi associati al vaccino (successivamente risultata infondata) abbia portata a una riduzione del ricorso a questo strumento preventivo, importante soprattutto per categorie a rischio come anziani, donne incinte e malati cronici.

Accanto all’influenza anche le sindromi parainfluenzali continueranno a minacciare la salute degli italiani. Pregliasco stima che ad aver a che fare con questi microni saranno ben 6 milioni di italiani. Per di più l’epidemia influenzale potrebbe essere più intensa del previsto a causa della presenza di una variabile inattesa del virus H3N2. Per il momento, però, Pregliasco rassicura che i virus isolati in Italia sono quelli attesi.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

Via | Adnkronos

Le informazioni riportate su GreenStyle.it sono di natura generale e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l’assunzione o la sospensione di un farmaco , non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico, di uno specialista , di un dietologo o di un fisioterapista. L’utilizzo di tali informazioni e’ sotto la responsabilita’, il controllo e la discrezione unica dell’utente. Il sito non e’ in alcun caso responsabile del contenuto, delle informazioni, dei prodotti e dei servizi offerti dai siti ai quali greenstyle.it puo’ rimandare con link.

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog