Papa Francesco sulla creazione: “Il Big Bang non contraddice l’esistenza di Dio”

Papa Francesco sulla creazione: “Il Big Bang non contraddice l’esistenza di Dio”

E’ una posizione storica quella assunta da Papa Francesco in merito a Big Bang e creazionismo. Ecco cosa ha dichiarato il Pontefice.

E’ una posizione molto importante quella assunta da Papa Francesco nel corso di un discorso rivolto alla Pontificia Accademia delle Scienze, durante il quale il Pontefice ha ammesso che il Big Bang è reale, e che questo non contraddice la teoria del creazionismo. Le teorie dell’evoluzione e del Big Bang sono insomma corrette, e Dio non è “un mago con una bacchetta magica”, ha tenuto a specificare Papa Francesco durante il suo discorso. Parlando alla Pontificia Accademia delle Scienze, il Papa avrebbe infatti espresso la sua posizione in merito al creazionismo, ma anche in merito alla posizione della scienza ed al compito degli scienziati, rilasciando delle dichiarazioni incoraggianti.

Papa Francesco avrebbe infatti dichiarato che entrambe le teorie scientifiche (quella del Big Bang e quella dell’evoluzione) non sono in realtà incompatibili con l’esistenza di un creatore, affermando che, anzi, proprio tali teorie richiedono che esista appunto un creatore.

“Quando leggiamo della Creazione nella Genesi, si corre il rischio di immaginare Dio come un mago con una bacchetta magica, in grado di fare tutto. Ma non è così”

avrebbe spiegato Papa Francesco, che ha poi aggiunto:

“Egli ha creato gli esseri e li ha lasciati sviluppare secondo le leggi interne che ha dato ad ognuno, perchè si evolvessero, perché arrivassero alla propria completezzaa. Il Big Bang, che oggi riteniamo essere l’origine del mondo, non contraddice l’intervento del divino creatore, ma anzi, lo richiede. L’evoluzione nella natura non è in contrasto con la nozione di creazione, perché l’evoluzione richiede la creazione di esseri che si evolvono”.

Come dicevamo, quella assunta da Papa Bergoglio è senza dubbio una posizione storica e molto importante, in una Chiesa che ha spesso rinnegato le evidenze e le prove fornite dalla Scienza.

Dal canto suo, il Pontefice invita quindi lo scienziato, soprattutto quello cristiano, ad “interrogarsi sull’avvenire dell’umanità e della terra, e, da essere libero e responsabile, di concorrere a prepararlo, a preservarlo, a eliminarne i rischi dell’ambiente sia naturale che umano”.

“Ma, allo stesso tempo, lo scienziato dev’essere mosso dalla fiducia che la natura nasconda, nei suoi meccanismi evolutivi, delle potenzialità che spetta all’intelligenza e alla libertà scoprire e attuare per arrivare allo sviluppo che è nel disegno del Creatore”.

    Non dimenticate di scaricare la Blogo App, per essere sempre aggiornati sui nostri contenuti. E’ disponibile su App Store e su Google Play ed è gratuita.

via | Repubblica, Independent.co.uk

Seguici anche sui canali social

I Video di Benessereblog